CRONACA

Genitori tarantini a Mittal: ‘Vostra bandiera un offesa per noi’

Comunicato stampa
28.02.2019 01:08

L’associazione Genitori tarantini scrive agli Amministratori Delegati di ArcelorMittal Italia:

Signori, la vostra supponenza si è spinta oltre ogni limite. Nella giornata dedicata al ricordo delle piccole vittime delle produzioni industriali altamente inquinanti, nella cui classifica vi piazzate, irraggiungibili, al primo posto, avete avuto l’ardire offensivo di calare, oltre a quella italiana e a quella della Comunità europea, la vostra bandiera a mezz’asta. La vostra bandiera non è riconosciuta dal popolo tarantino. Non vale niente. In altri tempi, quando la comunità tarantina si riconosceva in un’identità ben precisa, quella bandiera sarebbe stata strappata da quell’asta e calpestata. Ebbene, la vostra decisione, abbondantemente pubblicizzata nella giornata dedicata agli angeli più preziosi della nostra città, è un’offesa che l’intera comunità tarantina non può accettare. Licenziate pure i curatori della vostra impalpabile immagine perché hanno “floppato” alla grande. Non dovete per forza dimostrare quello che non siete, vista l’enorme criticità ambientale da voi prodotta in ogni sito che ospita le vostre fabbriche. I proclami ufficiali, all’atto della consegna nelle vostre mani dell’azienda siderurgica, cozzano con i dati che stanno venendo alla luce in questi giorni (dati Arpa Puglia). Rialzate pure la vostra bandiera, affiancata ad altre due di ben più alto spessore, perché non è così, come non è stato in un recentissimo passato con i vostri giri gratis sulla pista di pattinaggio, che ammalierete i tarantini. Adesso, godetevi l’immunità penale. Di voi, quando sparirete (perché sparirete) dalla nostra terra, resterà solo il ricordo della vostra volgarità. Buona giornata.

Serie B: Posticipi, Perugia e Spezia vedono i playoff
Imprenditore pugliese pronto a investire nel calcio pugliese