Serie C

Punto C/C: Rigoli, 'La Juve Stabia ha tutti gli ingredienti per vincere'

L'ex tecnico del Catania a Blunote: 'Virtus? Con difficoltà logistiche sta facendo cose straordinarie'

Alessio Petralla
09.04.2019 20:17

Con la vittoria di domenica sul Trapani la Juve Stabia ha un piede e mezzo in serie B. Lo conferma, a Blunote, l’ex tecnico del Catania e della Sicula Leonzio, Pino Rigoli: “Già qualche mese fa davo la Juve Stabia vincente al 70-80% poi è incappata in qualche pareggio di troppo e nel ko di Catania che ci può stare. A questo punto, con il successo sul Trapani, confermo quell’80% e mi riservo il 20% perché nel calcio può sempre accadere di tutto. Le vespe hanno investito benissimo sul tecnico Caserta facendo, da tre stagioni, sempre acquisti mirati. Inoltre, conosco qualche calciatore avendolo allenato, tra cui Mezavilla, è posso confermare che si tratta di gente straordinaria per uno spogliatoio. Ci sono tutti gli ingredienti giusti per vincere”.

DELUSIONI: “La Casertana si è dedicata troppo a rafforzare il reparto offensivo: però, non si vince soltanto con calciatori di gran valore in avanti. Non ha degli equilibri di squadra: il centrocampo e la difesa non hanno lo stesso livello degli attaccanti. Il problema non era l’allenatore. Per quanto riguarda il Catania, nel complesso, sta disputando un buon campionato: ha balbettato ultimamente. In rosa ha calciatori importanti: forse qualcuno, quando è arrivato, non era al top. Sono costretti a vincere e per esperienza, avendo lavorato li, posso confermare che l’effetto “Massimino” è un valore aggiunto”.

LA VIRTUS FRANCAVILLA: “La società ha costruito una squadra di assoluto valore che all’inizio ha balbettato. Poi, c’è stato il cambio d’allenatore e qualche innesto mirato a gennaio. Si tratta di una dirigenza seria che ha fatto le cose con oculatezza. Nonostante le difficoltà logistiche stanno facendo cose straordinarie”.

VIRTUS FRANCAVILLA-CATANIA: “Mi aspetto una gara aperta a qualsiasi risultato. Il fattore campo può avvantaggiare i pugliesi ma il Catania è una formazione di valore e deve dare continuità. Da catanese spero nel successo dei rossoazzurri ma in quel di Brindisi servirà la miglior prestazione. Non sarà facile conquistare punti al “Fanuzzi”.

LE SORPRESE: “Non mi sorprende più di tanto il Potenza che, da neopromossa, era partito male. Se inizialmente non balbettava, poteva trovarsi anche tra le prime quattro. All’inizio il Rende ha fatto qualcosa di straordinario e comunque, vista la gioventù e la freschezza della rosa, sta continuando”.

ZONA BASSA: “Qui parliamo di una piazza che non esiste più qual è Matera: quindi il campionato, li sotto. È falsato. La Paganese pensava a qualcosa di diverso. Non ci sono gli stessi valori di competitività rispetto all’alta classifica. Addirittura, forse, non ci saranno i play out”.

Si ringraziano:

I primi verdetti delle tarantine: l'analisi del tecnico Mirko Sarli
Punto D/H: L'ex Messina Parisi, 'Ecco cosa è mancato al Taranto'