TARANTO

Taranto: Manzo, 'Sarebbe un sogno vincere qui'

Alessio Petralla
30.03.2019 14:26

Voglia di proseguire a far bene e di riscattare il match d'andata con il Nardò, in casa Taranto come spiega il centrocampista Stefano Manzo: "Il nostro riscatto sta nel continuare a lottare per la vittoria sperandoci fino alla fine. Ovviamente, c'è voglia di riscattare la sconfitta dell'andata con i neretini".

IL NARDO': "I leccesi non vincono da tredici partite e quindi i pericolo è sempre dietro l'angolo. E' un campionato importante in cui ogni gara non è mai scontata".

INSIDIE: "Non dobbiamo sottovalutare l'avversario che lo ritengo ostico. Hanno l'obiettivo di salvarsi e perciò bisognerà scendere in campo con la giusta determinazione".

OBIETTIVI: "Anche loro hanno un obiettivo che, però, è diverso dal nostro. E' normale che se si affronta una compagine già salva una partita può essere diversa. Lotteranno per i tre punti. A parte Gravina, noi, in questo girone di ritorno non abbiamo nulla da recriminare".

CREDERCI: "Il campionato dura trentaquattro partite e ne restano sei: può succedere di tutto. Tanti anni è capitato che formazioni che avevano sei-sette punti di vantaggio nel rush finale hanno perso punti. La speranza c'è sempre: vogliamo inseguire questo sogno. Sarebbe una gioia e una gran soddisfazione vincere qui. Ce la metteremo tutta e speriamo di festeggiare tutti insieme".

IL VANTAGGIO: "Non so se i sette punti di distacco sono veritieri perchè, giocando, non ho potuto seguire il Picerno. Bisogna pensare al nostro campionato in cui non abbiamo praticamente mai sofferto se non in qualche circostanza. Non siamo inferiori ai lucani".

MANZO: "Il mio campionato è come quello dei compagni. Lo ritengo ottimo e per ora sono soddisfatto".

DERBY: "Abbiamo perso solo derby ma non significa niente perchè la metà delle formazioni del gruppo H sono pugliesi. In questi casi non è stato un discorso mentale".

LA TIFOSERIA: "Il pubblico ha sempre dimostrato di stare dalla nostra parte. Li ringraziamo per aver riempito, ogni domenica, lo "Iacovone". Vedere lo stadio pieno è sempre una bella emozione. Penso che per riportarli allo stadio ci abbiamo messo del nostro dando l'impressione di essere molto attaccati a questa maglia".

IL CAMPIONATO: "E' tra i più difficili perchè fatta eccezione per la serie A, è l'unico in cui non si sale con i play off. Magari dopo una stagione esaltante si perde per uno o due punti. Bisognerebbe trovare una soluzione diversa".

Si ringraziano:

Taranto-Nardò: Una sfida cominciata 53 anni fa
Teatro: 4/11/1918 sull’Altipiano a Taranto e Martina Franca