Cultura, musica e spettacolo

Via Leogrande: presentato un percorso di promozione e formazione

Per ricerca e conoscenza dell’opera di Alessandro Leogrande attraverso la promozione della lettura e dei libri in collaborazione con gli Istituti Superiori

Comunicato stampa
26.11.2018 16:36

Alessandro Leogrande, giornalista e scrittore scomparso un anno fa

Via Leogrande è un percorso di conoscenza degli scritti, degli studi e dell’artista Alessandro da promuovere nella terra in cui è nato ed ha nutrito le sue prime battaglie politiche e sociali divenute esordi letterari di pregio. Taranto è il luogo in cui Goffredo Fofi ha incontrato per la prima volta Alessandro Leogrande, giovane studente del Liceo “Archita”, scoprendo un ragazzo brillante con uno sguardo unico sulla realtà, con una grande curiosità per la letteratura, giovane divoratore di libri. 

A distanza di un anno dalla scomparsa di un intellettuale così importante, è necessario superare il dolore e il vuoto della perdita e cominciare ad affrontare i contenuti e il metodo del suo lavoro, costruendo occasioni di approfondimento, confronto e conoscenza, valorizzando il carattere di esemplarità in una città che fatica a cogliere quanto di positivo e di bello nasce talvolta tra le sue mura. 

Il progetto Via Leogrande vuole essere uno strumento concreto per approfondire il pensiero artistico, politico e sociale di Leogrande, ma anzitutto può diventare un’occasione pedagogica, per avviare un percorso di promozione e di formazione intorno alla lettura, mettendo in relazione sinergica la scuola e la biblioteca, le librerie e gli autori, il teatro e la letteratura.

Un nuovo regalo di Alessandro a Taranto, una città senza memoria, affinché quella nuova indicazione toponomastica conservi e conquisti nuovo senso in un processo di consapevolezza e ri/conoscenza dei cittadini. Soprattutto dei più giovani. Di qui l’articolazione in fasi e sviluppi successivi.

Una fase della conferenza stampa di presentazione del progetto

Futsal C1/F: L’Atletic Club Taranto espugna anche Sammichele
Taranto: ‘Passerella Mediterranea’ al Castello Aragonese