TARANTO

Il doppio ex D'alterio: 'Al Taranto servirà la mezza impresa...'

Alessio Petralla
18.05.2018 15:05

E’ Salvatore D’alterio, freschissimo doppio ex di questo Cavese-Taranto a presentare, a Blunote, questa sfida attaccando con il suo addio alla società campana: “Nulla di grave, ho avuto soltanto un battibecco con l’amministratore della società e ho preso questa decisione”.

RICORDI: “A Taranto sono stato dieci anni fa e ho vissuto una delle stagioni più belle fino al ko nella finale di Ancona. La squadra e la società erano forti. Inoltre mia moglie è tarantina e perciò sono molto legato alla città dei Due Mari. A Cava ho vissuto una bella annata: peccato per il traguardo mancato; il secondo posto lascia l’amaro in bocca”.

TARANTO-CAVESE: “Effettivamente in quella sfida cercavamo la vittoria a tutti i costi per tallonare il Potenza. Nel primo tempo costruimmo tantissime occasioni ma se certe partite non le sblocchi allora vieni punito. Abbiamo preso, di fatto, gol in contropiede. Si sfidarono due squadre forti”.

LA GARA: “Domenica prossima mi aspetto una gara insidiosa in cui si affronteranno due compagini forti, due piazze importanti e rivali. Ci sarà un gran pubblico. Il Taranto dovrà fare qualcosa in più perché questo match sarà diverso da quello dello “Iacovone”. Gli ionici dovranno stare attenti perché la Cavese in contropiede può fare male”.

IL TARANTO: “In tutto il girone di ritorno ho visto un’ottima squadra: però. Il distacco era troppo visto che noi e il Potenza abbiamo disputato un campionato diverso. Sicuramente, ha messo le basi per il futuro trovando, tra l’altro, l’assetto giusto: per questo vanno fatti i complimenti a Cazzarò”.

CAVA DE’ TIRRENI…: “Cava è sempre un ambiente difficile da superare: è molto caldo. Si scontrano due realtà che non c’entrano nulla con la serie D. Vedo un po’ più favorita la Cavese: conosco i miei ex compagni. Al Taranto servirà una mezza impresa. Gli episodi saranno importanti”.

Commenti

Motori: SMS lancia il primo trofeo ‘Grande Salento’
Taranto: Cazzarò, ‘Per vincere a Cava servirà una gara folle’