CRONACA

Sequestrata area con tonnellate rifiuti, indagati ex responsabili Ilva

30.10.2018 17:16

Militari del Nucleo di Polizia Economico – Finanziaria di Taranto hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo – ex art. 321 C.P.P. – emesso dal G.I.P. del Tribunale di Taranto – Dr.ssa Vima Gilli, di alcuni siti ubicati al confine nord dello Stabilimento ILVA di Taranto che ricadono in agro dei comuni di Taranto (nelle adiacenze della Cava Mater Gratiae) e di Statte (Gravina Leucaspide), per una superficie complessiva pari a circa 530.000 metri quadrati. L’attività investigativa eseguita dalle Fiamme Gialle ha consentito di individuare nelle suindicate aree circa 5 milioni di tonnellate di rifiuti pericolosi e non pericolosi di origine industriale, in cumuli dell’altezza di oltre 30 metri sopra il piano campagna. Nel procedimento penale in trattazione risultano indagate 9 persone, tra responsabili amministrativi e tecnici pro-tempore dell’ILVA S.p.A. dal 1995 al 2012, a vario titolo, per i reati di disastro ambientale doloso, distruzione e deturpamento di risorse naturali, danneggiamento, getto pericoloso di cose e mancata bonifica dei siti inquinanti. Gli indagati avrebbero gestito le predette aree, senza metterle in sicurezza, evidenziando una precisa volontà di porre in essere un disegno illecito volto a trarre un ingiusto vantaggio patrimoniale consistente in un risparmio degli oneri economici occorrenti per la loro bonifica.

Taranto: Furto d’auto, ricettazione, riciclaggio, estorsione: 13 arresti
Taranto: Uomo tenta il suicidio, salvato dai Carabinieri