Giovanili

Grottaglie: Gli Allievi vincono lo spareggio per il primo posto

Al ‘Dimitri’ di Manduria, gli uomini di De Filippi schiantano San Marzano con un netto 5-1. Ora la fase provinciale che assegna il titolo

27.03.2018 11:03

Lo stadio Demitri di Maruggio è stato teatro dello spareggio tra San Marzano e Grottaglie per assegnare il primo posto nel girone A del campionato Allievi provinciali. Si sono incontrate le due squadre, in assoluto, più forti della regular season e come da aspettative ne è venuta fuori una gran bella partita che ha divertito il numerosissimo pubblico presente sugli spalti (oltre 200 spettatori) tra cui una buona rappresentanza del tifo organizzato grottagliese, un eccellenza per l’occasione. L’hanno spuntata i grottagliesi con un eloquente 5-1 che ha di fatto consacrato i biancoazzurri primi nel girone e quindi promossi alla finale provinciale che assegna il titolo. Una partita tra due squadre dal buon potenziale con il San Marzano che si è dimostrato valido antagonista, ma che ha visto prevalere il Grottaglie perché più organizzato dal punto di vista del gioco e nell’occasione più cinico dell’avversario. L’Ars et Labor ha vinto la gara in ogni zona del campo, anche dopo aver subito il pareggio la squadra non si è scomposta proseguendo con il suo tema iniziale: dinamismo, convinzione, concentrazione e tanto carattere sono state le armi che i biancoazzurri hanno messo sul piatto della bilancia nello spareggio. La differenza l’ha fatta anche la determinazione sotto porta, “one shot - one kill” (un colpo - un centro), forse come mai gli avanti biancoazzurri hanno sprecato pochissimo nell’area del San Marzano, quasi niente, a differenza di altre gare. I ragazzi di mister De Filippi, supportati dalla torcida dei grottagliesi giunti in buon numero per sostenere i giovani beniamini, hanno disputato un incontro da squadra matura che ha consapevolezza delle proprie capacità ed è in grado, con estrema calma e lucidità, di trovare la chiave di lettura di partite importanti. Dopo questa rilevante affermazione è tempo di preparare la finale contro i Delfini Joniciche assegnerà il titolo di campione provinciale e la conseguente promozione ai campionati regionali.

Cronaca: primo tempo sostanzialmente equilibrato, le due squadre si sono equivalse con il Grottaglie probabilmente più incline alla manovra.

12° cross dalla destra di Zappatore e Vizzarro ben appostato in area devia di testa all’angolino basso alla sinistra del portiere avversario: San Marzano 0 Ars et Labor Grottaglie 1;

14° Punizione defilata sulla sinistra per il Grottaglie, batte Quaranta e splendida parata di Sodoso che con la mano di richiamo toglie la sfera dall’incrocio;

15° palla in area per Di Summa che con destrezza si libera del duo marcatore e infila Cavallo in uscita: San Marzano 1 Ars et Labor Grottaglie 1;

24° azione personale di Maggio che, dopo aver saltato un paio di avversari, entra in area e si vede respingere il tiro con i piedi da Cavallo;

32° punizione dalla destra di Quaranta, spiovente in area sul secondo palo dove Andriani di testa da ottima posizione mette al lato;

35° calcio franco dai 18 metri per il Grottaglie, calcia quaranta e palla che si stampa sulla traversa.

Secondo tempo appannaggio del Grottaglie. I biancoazzurri passati in vantaggio subito in apertura di tempo e in superiorità numerica,hanno controllato e poi affondato i colpi.

1° azione sulla sinistra di Basile, palla al centro e netto fallo di mano di Sapio. L’arbitro, senza alcun dubbio, decreta la massima punizione con la conseguente ammonizione per il difensore rossoblu che sommata alla precedente nel primo tempo viene espulso. Sul dischetto si porta Raimondo che batte Sodoso proteso in tuffo: San Marzano 1 Ars et Labor Grottaglie 2;

21° discesa sulla destra di Damone che serve al centro dell’area Colucci, l’attaccante grottagliese controlla, si infila tra i due difensori e batte Sodoso in uscita disperata: San Marzano 1 Ars et Labor Grottaglie 3;

24° traversone in area dalla sinistra, Sternativo, da poco subentrato, lascia rimbalzare il pallone e in girata, di contro balzo, infila Sodoso con un tiro ad incrociare: San Marzano 1 Ars et Labor Grottaglie 4;

26° Murianni conquista palla sulla trequarti, si porta ai sedici metri e con un tiro di leggero esterno destro batte ancora Sodoso che tocca la sfera senza impedirgli di entrare in rete; San Marzano 1 Ars et Labor Grottaglie 5;

35° Saracino prova la conclusione da fuori area respinta da Cavallo;

37° punizione di Quaranta dalla sinistra, forte e tesa, respinta a pugni chiusi da Caiazzo.

SAN MARZANO-GROTTAGLIE 1-5

RETI: 12°pt Vizzarro (G), 15°pt Di Summa L. (SM), 1°st Raimondo (G), 21°st Colucci (G), 24°st Sternativo (G), 26°st Murianni.

SAM MARZANO: Sodoso (Caiazzo), Sapio C., Maggio, Sapio S. (Conzo), Fiscini, Talò (Micelli), Mele (Saracino), Caforio, Di Summa L., Todaro(Fiorillo), Santoro (Di Summa A.). Panchina: Fornaro. All. Crescenzio.

GROTTAGLIE: Cavallo, Zappatore (Murianni), Basile, Quaranta, Damone, Masciullo (Astretto), Ligorio (Sternativo), D’Andria, Vizzarro (Colucci), Andriani, Raimondo (Ludivico). Panchina: Capobianco, Darcante. All. De Filippi.

Arbitro: Simone Lippo della sezione di Taranto.

Ammoniti: Zappatore (G) Damone (G), Sapio C. (SM), Di Summa L. (SM).

Espulsi: Sapio C. (SM) doppia amm., Saracino (SM) doppia amm.

La disamine di mister De Filippi a fine partita: “È una bella soddisfazione affermarsi in partite come queste. Abbiamo meritato di vincere perché siamo stati superiori ai nostri avversari. Temevo potessimo concedere qualcosa sotto l’aspetto caratteriale, invece i ragazzi sono stati quasi perfetti. Solo due situazioni avremmo potuto fare meglio: nell’occasione del loro pareggio e quando abbiamo lasciato tirare l’avversario, poi non abbiamo concesso nulla. Questo è un gruppo molto unito, coeso e omogeneo, lo dimostra che chi è subentrato ha dato il suo pesante contributo senza alterare gli equilibri. Abbiamo meritato il primato nel girone perché disponiamo del miglior attacco, miglior difesa, ci siamo sempre espressi su buoni livelli calcistici sbagliando in tutto il campionato solo una partita e mezza. La gara con il San Marzano l’abbiamo preparata bene, conoscevamo i loro punti deboli e i loro punti di forza e su questo abbiamo lavorato tutta la settimana. Il nostro approccio è stato ottimo, siamo stati davvero bravi a non concedere i rifornimenti alla loro punta e poi in particolare la nostra catena di sinistra ha funzionato molto bene. Siamo stati incisivi sulle fasce e attenti in difesa, abbiamo disputato una gran bella partita contro un avversario valido. E ora la finale.”

Commenti

Mottola: Marce inedite della Passione, i vincitori del concorso
Martina: Romanelli, ‘Difficile far crescere i ragazzi martinesi’