TARANTO

Taranto: Il super Picerno non spaventa Giove, ‘Ci credo...’

Il presidente: ‘La vittoria di Bitonto è un segnale importante, ma ho tantissima fiducia nella mia squadra. E il mercato...’

28.12.2018 15:23

Massimo Giove avrebbe voluto chiudere il girone d’andata con qualche punto in meno di distacco dal Picerno. Contro ogni previsione, però, i melandrini sono riusciti a espugnare anche Bitonto, uscendo con sette punti dal ciclo terribile che li vedeva opposti a Taranto, Cerignola e lo stesso Bitonto. L’ennesima prova di forza della squadra di Giacomarro, però, non spaventa il numero uno rossoblu: “La vittoria del Picerno a Bitonto conferma la forza dei lucani, ma la stagione è ancora molto lunga e da gennaio, con il girone di ritorno, vivremo un altro tipo di campionato - spiega ai microfoni di Studio 100 -. Alla luce dello 0-0 dello “Iacovone”, però, io continuo a crederci. Anche perché ho tantissima fiducia nella mia squadra”.

PUBBLICO RITROVATO L’entusiasmo ritrovato del tifo rossoblu può rivelarsi un’arma importante a favore del Taranto nella corsa alla promozione. Segno che qualcosa sta cambiando anche tra la gente: “Battere il Sorrento davanti a una splendida cornice di pubblico è stata una grande soddisfazione - prosegue Massimo Giove -. Anche per questo ci credo più di prima. Aver ritrovato buona parte della tifoseria è importante, vuol dire che in fondo la società sta lavorando bene”.

MERCATO L’ingaggio di Vittorio Esposito ha accresciuto il potenziale del gruppo a disposizione di Gigi Panarelli, ma il mercato non dorme mai: “Così com’è, ritengo che il Taranto sia competitivo - chiude il presidente Giove -. La squadra gioca molto bene dopo aver assimilato gli schemi del nostro allenatore che sta lavorando benissimo. Con Vittorio Esposito abbiamo completato il reparto avanzato ingaggiando un elemento con caratteristiche che mancavano. Questo non vuol dire che il mercato sia chiuso: se a gennaio troveremo l’uomo giusto per l’attacco non ci tireremo indietro. Fermo restando, che abbiamo una squadra altamente competitiva, che in tutto il girone d’andata non è stata messa sotto da nessuno”.

Ippica: Paolo VI, Zlatan Op super nell’ultimo clou dell’anno
Virtus Francavilla: Magrì scatenato, affondo per Perez