ALTRI SPORT

Baseball: Il tarantino Mucavero ai provini per la Nazionale U15

Lanciatore mancino classe 2003, si è fatto notare per il notevole controllo sulla zona dello strike e per il repertorio vario di lanci a effetto

29.03.2018 08:03

Un sogno molto comune tra i bambini avviati alla pratica di uno sport – si sa – è quello di poter un giorno indossare la divisa della propria squadra Nazionale e vincere il più possibile con essa. È questa in fondo una dinamica condivisa da un po’ tutte le discipline e il baseball, pur nella presunta stranezza delle sue casacche coi bottoni, non fa certo eccezione. È per questo che deve inorgoglirci e rallegrarci molto la notizia della convocazione del tarantino Gabriel Mucavero, classe 2003, alla clinic della Nazionale italiana di baseball Under 15. La manifestazione, tenutasi domenica 25 marzo al prestigioso Centro Sportivo CONI dell’Acqua Acetosa a Roma, ha radunato i migliori talenti espressi dai vivai d’Italia, paese nel quale, nonostante il disinteresse di molti, il baseball viene praticato e insegnato ad alti livelli da oltre un cinquantennio. Per lo staff tecnico degli Azzurri, capeggiato dal manager Roberto De Franceschi, l’obbiettivo è al momento quello di formare una selezione competitiva per il fitto calendario di tornei internazionali del 2018, in vista degli Europei di categoria del prossimo anno. Sul diamante romano, dunque, i ragazzi giunti da tutta la penisola hanno potuto mettere in mostra le loro capacità atletiche, tecniche e mentali sotto lo sguardo attento di un coaching staff preparato e intenzionato sia a provinare dei potenziali azzurrini, che a monitorare e guidare il percorso di crescita dei tanti alla prima esperienza di questo tipo. Il nostro Gabriel Mucavero è un lanciatore mancino che si fa notare soprattutto per il notevole controllo sulla zona dello strike e per il repertorio vario di lanci ad effetto, una rarità alla sua età. All’occorrenza può giocare anche con sicurezza in 1° base e conosce il fatto suo anche in battuta. Cresciuto a Talsano, gioca coi Tritons Taranto da quasi cinque anni ed è – potremmo dire – fratello d’arte, visto che Mario, il fratello maggiore, è anch’egli lanciatore e ha disputato due stagioni di serie C con la compagine ionica. Negli anni, Gabriel ha fatto l’intera trafila delle squadre giovanili, venendo seguito nel suo percorso dai coach Domenico Brisci, Luca Augenti, Antonio Maggio e dalla preparatrice Alexia Diana. Quest’anno ha iniziato ad allenarsi con la squadra seniores affidata al tecnico venezuelano Rafael Motolese ed esordirà dunque in serie C. Che questa convocazione fosse in qualche modo nell’aria ce lo conferma Marco Costante, uno dei suoi compagni di squadra in serie C: “Gabriel chiamato da Roma non ci sorprende affatto. Già due anni fa, quand’era appena 13enne, veniva spesso aggregato alla squadra maggiore in allenamento e sapeva metterci in difficoltà al piatto con qualche palletta sul filo al momento giusto. Quello che però personalmente mi fa ben sperare – continua l’esterno 27enne – è l’atteggiamento giusto che ha questo ragazzo sul diamante e nel dugout. Dai suoi occhi sul campo traspare concentrazione e sicurezza nei propri mezzi, è evidente come senta il gioco come qualcosa di perfettamente naturale”. E, in effetti, Mucavero ha dimostrato una maturità sorprendente nell’uscita di preseason contro Bari, venendo chiamato sul monte in una spinosa situazione di basi piene e lanciando per un inning e 1/3 senza incassare punti. Che questo ragazzino talsanese possa essere o meno un fattore in serie C già da quest’anno solo i polverosi diamanti del girone K potranno dircelo, per ora noi ci complimentiamo per questa prestigiosa chiamata e gli auguriamo possa entrare presto e in pianta stabile a far parte del “giro” della Nazionale del baseball.

Commenti

Basket carrozzina: Boys, sconfitta inattesa e terzo posto a rischio
Calcio italiano ancora in lutto: addio a Emiliano Mondonico