Cultura, musica e spettacolo

Musica: Il tour degli Skanderground fa tappa al Symposium

Giovedì la band porterà in piazza San Francesco, a Crispiano, lo spettacolo musicale “Io non mi sento italiano”. Il live è gratuito e fa parte della rassegna Scariche Sonore

Comunicato stampa
31.07.2018 02:28

Ska, reggae, folk, dub e rocksteady tutti in un’unica e imperdibile esibizione. È quanto porteranno a Crispiano giovedì 2 agosto gli Skanderground, band di Polignano a Mare, in giro da un anno per l'Italia con il “Io non mi sento italiano” tour. Il loro è un sound energico sound che si muove dagli anni '60 ad oggi, dal cantautorato al divertentismo, tutto rigorosamente italiano, con lo scopo di ballare, divertirsi e cantare dall’inizio alla fine dello spettacolo. Come sempre, l'appuntamento è in piazza San Francesco e rientra nella rassegna Scariche Sonore organizzata dall'associazione Symposium Arte. Il live è gratuito e avrà inizio alle 22. Per info e prenotazioni tavoli: 099.4005927. Oltre ai panini, ai piatti unici, alla stuzzicheria, alle birre, ai gelati e a tanto altro che il Symposium Cafè propone, ci sarà la possibilità di degustare le specialità gastronomiche di carne alla brace della macelleria da Orazio.

SKANDERGROUND La band, composta da sei elementi, si forma nel 2009 a Polignano a Mare. Il nome Skanderground denota la matrice musicale d’ispirazione, ovvero lo ska, che ben presto si tinge di differenti sfumature come l’indie e il reggae, evidenziando le influenze dei vari componenti. Il gruppo si dedica inizialmente soprattutto a cover (Giuliano Palma, Roy Paci, Aprés la classe, Rino Gaeatano) e all'arrangiamento di brani già noti letti in chiave ska. Tra il 2009 e il 2010 il gruppo si esibisce in diversi contesti nelle province di Bari, Brindisi e Lecce. Nel luglio del 2010 partecipa all’International Meeting Voci Dal Ponte organizzato dalla etichetta VDPMusic. La vittoria del concorso finanzia la registrazione del primo cd firmato Skanderground e la partecipazione al Meeting di Etichette Indipendenti di Faenza. Grazie al MEI, il gruppo riesce a ottenere il primo contratto con la Alkemist Fanatix Europe. Oggi la band arrangia in chiave ska, folk, dub, reggae e rocksteady la sola musica italiana, dal cantautorato al divertentismo, creando uno spettacolo ricco di emozioni e di pura energia. Un anno fa gli Skanderground sono partiti con il tour “Io non mi sento italiano”, portando il loro inimitabile sound in giro per diverse regioni d'Italia (Liguria, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Campania, Umbria, Basilicata, Calabria).

Questi i membri del gruppo: Viteliseo Dell'Edera (voce e tastiere), Nicola Boreale (chitarra), Angelo Cito (basso), Davide Giuliani (batteria), Giuseppe Settanni (sax), Modesto Pellegrini (tromba e flicorno). 

Eventi: La Sagra più grande d’Italia suona blue note
Ilva: Flash Mob e petizione dei Verdi di Taranto