Serie D

Fidelis Andria-Taranto: È una guerra a tutto campo

Il club biancazzurro nega tesserati alle testate giornalistiche tarantine. Motivo? Una presunta ripicca...

11.02.2019 20:30

Aldo Roselli, presidente della Fidelis Andria

Il rifiuto del Taranto di posticipare l’orario di inizio del derby di domenica prossima con la Fidelis Andria ha scatenato una vera e propria guerra tra le due società. A dire la verità, quello col dente maggiormente avvelenato sembra essere Aldo Roselli, presidente del club andriese ed ex direttore generale di quel Taranto che precipitò dalla C alla D dopo lo scellerato comunicato post Messina. Al comunicato stizzito e risentito (anche un po’ infantile aggiungiamo noi) di sabato scorso, una nuova trovata del club biancazzurro, che sarebbe stata ordita dallo stesso presidente Roselli: nessun tesserato della Fidelis Andria sarà concesso alle testate giornalistiche tarantine. Una chiusura/ripicca per rispondere al Taranto che non avrebbe messo a disposizione di una testata andriese il tecnico Gigi Panarelli. Sugli spalti del “Degli Ulivi” mancheranno i tifosi del Taranto (la trasferta dovrebbe essere vietata), ma siamo sicuri che assieme ai sostenitori andriesi si sarebbero comportati in maniera più matura...

La compagnia la Rotaia mette in scena “Una pazza gita a Napoli”
Taranto: Montella smentisce Roselli, ‘Mai negato Panarelli’