1a Categoria

1a Categoria/B: Regna l’equilibrio, quattro squadre in due punti

Il punto dopo la settima giornata: San Marzano strappa la vetta al Grattaglie, San Vito impone il primo pari interno al Sava

Michele Trani
07.11.2018 21:00

La capolista San Marzano - Foto Polisportiva Dilettantistica San Marzano pagina Facebook

La settima giornata di campionato rimescola gli equilibri del girone B di Prima Categoria. Segna il passo la capolista Grottaglie che cede di schianto contro il Castellaneta. Al De Bellis si scatena Gjonaj che con una tripletta mette in ginocchio l'undici di Marinelli, il quale paga il pesante ko con l’esonero. Per i biancazzurri, che avevano dato segnali di affanno già con il Sava, arriva la prima sconfitta in campionato. Lo stop permette al redivivo San Marzano di balzare in vetta. I sammarzanesi si confermano letali tra le proprie mura dove finora hanno collezionato solo successi. I rossoblu si sbarazzano all'inglese del Manduria, sempre più ultimo, e volano al comando della graduatoria confermandosi unica squadra imbattuta del raggruppamento insieme al Sava, che non sfrutta l'occasione di issarsi in vetta facendosi imporre il primo pari interno dal San Vito, compagine assai ostica. Risale la china il Castellaneta che riscatta il passo falso di domenica scorsa travolgendo il Grottaglie. Dietro le quattro tarantine continua l'avanzata della Virtus Locorotondo. Complice un calendario più favorevole, i baresi piazzano la quarta vittoria consecutiva battendo senza troppe difficoltà la Cedas Avio Brindisi. In attesa di recuperare la gara rinviata contro l'Erchie, i blaugrana salgono in zona playoff. La prova del nove per gli uomini di Capriati arriverà domenica quando al D'Amuri renderanno visita all'ex capolista Grottaglie. Dietro il Locorotondo si mette in posizione più tranquilla il Latiano che, al Comunale, batte la Football Acquaviva scavalcandola in classifica. Sale la china anche il Capurso: i baresi battono 2-0 il Massafra e rilanciano le proprie ambizioni play-off. Ambizioni che vuole tornare ad avere la Polimnia. Dopo un paio di domeniche vissute in naftalina, i polignanesi espugnano Crispiano e salgono a quota nove, a meno tre dalla quinta piazza. Sorride Polignano, ma si arresta l'avanzata del Crispiano che sperava di mettere altro fieno in cascina dopo le ultime due vittorie di fila. I tarantini restano comunque fuori dalla zona rossa dove muovono la classifica Erchie e Atletico Acquaviva che, nello scontro diretto, provano a superarsi senza andare oltre un pirotecnico 2-2. Chiude mestamente la classifica la Don Bosco Manduria, ancora ferma al palo.

Real Pulsano: Ottimo mercoledì per Pulcini e Primi Calci
1a Categoria: Manduria, Palmisano contro i ‘denigratori social’