Serie B

Serie B: Foggia, ‘Servono 600 mila euro per evitare la penalizzazione’

Appello dal sindaco Landella agli imprenditori locali: C’è solo un problema di liquidità, da questa situazione ne usciremo’

14.03.2019 00:24

Per salvare il Foggia ed evitare il peggio in termini economici e di penalizzazione, scende in campo anche il sindaco Landella. Ecco quanto dichiarato ai cronisti locali al termine di un vertice richiesto a tutte quelle forze imprenditoriali che, in qualche modo, potrebbero dare una mano al club rossonero: “Voglio sollecitare tutti a dare un contributo al Foggia Calcio, che rappresenta un patrimonio del nostro territorio. Non solo a livello locale, ma anche provinciale. Ci sono difficoltà di liquidità, tuttavia sono certo riusciremo a superare questa situazione. Il problema, ovviamente, è rappresentato dai tempi. Il lasso è ravvicinato, crea difficoltà. In ballo ci sono 600mila euro, necessari per pagare gli stipendi ai calciatori ed evitare la penalizzazione. Va poi chiusa la fase del campionato”. 

Poi il monito d’orgoglio: “Non voglio disperdere i sacrifici fatti da questa amministrazione e dai cittadini, mi riferisco soprattutto a quanto di buono fatto per l’ampliamento dello stadio. E la famiglia Sannella, sin qui, ha fatto cose importanti per il calcio di questa città. Resto fiducioso circa la risoluzione del problema, ripeto. Spiace, per il resto, per i balordi che nelle ore precedenti hanno dato una brutta immagine di Foggia. Il calcio non deve essere violenza, ma motivo d’aggregazione e supporto. La stragrande maggioranza dei tifosi ha preso le distanze dai balordi”. 

Nessun problema anche per l’eventuale allargamento della compagine societaria: “Ci sono varie ipotesi in campo, non solo le sponsorizzazioni. Ci sono discreti margini per raggiungere l’obiettivo. Nessuna preclusione anche per chi voglia arrivare dall’esterno. In fondo è già successo a Bari…”. (Da foggiacalciomania.com)

Cerignola: Bitetto, ‘In questo rush finale servirà qualcosa in più’
Olimpia Francavilla: Esordienti sempre più in crescita