TARANTO

Taranto: ‘Un nuovo bus per raggiungere i nostri obbiettivi’

Per la prima volta nella storia, il club rossoblu ha un mezzo ‘griffato Taranto’

Francesco Caroli
24.11.2018 17:36

Giornata di festa allo Iacovone, per il Taranto. È infatti arrivato oggi il nuovo pullman griffato con i colori sociali e lo stemma della squadra, accompagnato dal classico simbolo della città, il delfino. Ai microfoni di Studio 100 il presidente Massimo Giove ha espresso tutta la sua felicità per questo evento: "È una cosa molto importante, sia in termini di sicurezza per i calciatori che di indipendenza per i movimenti della squadra. Stiamo continuando nella costruzione di questo Taranto e ci auguriamo di raggiungere maggiori traguardi di carattere professionistico!" Per augurare il nuovo atubus la società ha invitato i presenti a salire sul bus per assistere alla benedizione da parte del sacerdote, alla quale sono seguite alcune dichiarazioni della società.

Montella: "Questo è un ulteriore sforzo fatto dalla dirigenza, dal presidente Massimo Giove in primis, e dal signor Russo della Templari, uno degli sponsor che ci accompagna in questo viaggio che ci auguriamo essere prolifico e che ci possa far raggiungere, anche attraverso questo mezzo, quello che tutti quanti sognamo e che per noi è diventata quasi un'ossessione. Questo è un ulteriore tassello che si aggiunge a una serie di idee che il presidente ha in serbo per la città di Taranto e penso che la città possa dire 'grazie' a questa persona che, da oggi, ci fa sentire più orgogliosi di essere tarantini; perchè quando ci presenteremo in una città con questo mezzo, portando il nome della città di Taranto e del Taranto Calcio, ci sentiremo orgogliosi. Per questo vi dico grazie e mi auguro che, tutti insieme, riusciremo a coronare un sogno."

Giove: "Grazie a tutti voi per essere intervenuti oggi. Continuerò con il massimo impegno per cercare di realizzare questo sogno importante al quale tengo più di ogni altra persona tarantina. È una missione della mia vita, portare il Taranto via dalla serie D verso un palcoscenico migliore che tutti noi meritiamo, perchè il Taranto è di tutta la cittadinanza, e non solo di Massimo Giove."

Russo: "Io avevo deciso di non stare più vicino al Taranto per delle esperienze che mi hanno disinnamorato dell'organizzazione del Taranto - ma mai della squadra. Sono poi però stato coinvolto prima dai fratelli Cardamone, poi da Massimo Giove e dal direttore Montella. Avevo chiesto un paio di mesi per avere un mezzo come volevo che fosse: non un pullman normale, ma un pullman d'impatto. Abbiamo aspettato ed è servito: guardate che autobus abbiamo. E come diceva prima Montella, quando gireremo nelle città tutti sapranno: è arrivato il Taranto. Non ci possono non vedere. Una sola cosa: Forza Taranto!".

Taranto: Cambia l’orario del recupero di Fasano
Futsal A/F: Derby di Puglia e d’alta classifica per il Real Statte