TARANTO

Taranto: Favetta, 'Riscattiamoci vincendo i playoff’

Vito Galasso
11.05.2019 11:45

Dentro o fuori. Domenica pomeriggio, allo stadio Iacovone, si consumerà il primo atto dei playoff del Girone H della Serie D. Il Taranto è chiamato ad affrontare il Bitonto, cercando di annientare la cattiva prestazione espressa contro il Sorrento domenica scorsa. L’attaccante Ciro Favetta ha voglia di rivalsa. «Con i costieri è stata una parentesi negativa, soprattutto dal punto di vista mentale. All’ultima giornata, con un risultato che serviva a poco, ci può stare la sconfitta. Non è un alibi, ma siamo andati lì un po’ rilassati. Diversamente, domenica sarà per noi una partita fondamentale che giocheremo per vincere».
Le condizioni di Pellegrino, Marsili ed Esposito preoccupano, ma gli altri uomini a disposizione del tecnico Panarelli devono provare a dare il massimo. «Dal punto di vista fisico stiamo bene – prosegue l’attaccante -, la differenza la fa l’aspetto mentale. A questo punto della stagione, la benzina nelle gambe c’è ancora, è la concentrazione che deve rimanere sempre alta come la prima giornata di campionato. Se lo Iacovone ci riserverà una cornice di pubblico importante è un fattore in più per noi, perché dove non arrivano le gambe ti fanno arrivare i tifosi».
Nonostante l’apprezzabile torneo disputato, il Taranto non deve avere paura del Bitonto. «L’abbiamo incontrato due volte – dichiara Favetta -. È una squadra ostica e furba. Tra l’altro, ci sono molti baresi e quindi è molto rognosa. Dobbiamo essere noi a renderla facile con il nostro gioco e dimostrarci più cattivi di loro. Loro hanno un solo risultato a disposizione e saranno spavaldi, non credo che faranno una gara tattica. Per quanto ci riguarda, questo atteggiamento ci piace perché sarà un match giocato a viso aperto. Non ci interessa del tempo, dobbiamo uscire dal campo con il passaggio del turno in tasca».
Ansia da prestazione e ossessione da vittoria. Gli ionici sono quasi obbligati a vincere questi play off. «Deve essere uno sprono – conclude il centravanti – perché ognuno di noi si vuole mettere in mostra per rimanere. L’ansia ci deve essere poiché ti permette di restare sempre concentrati. Il campionato ormai è andato, i play off rappresentano un riscatto. A livello personale è stata un’annata positiva, ma poteva andare meglio, anche se c’è del rammarico per non aver vinto. Adesso, però, dobbiamo guardare in faccia la realtà».

Il Comune di Taranto lavora per semplificazione procedure
Diavoli Rossi: Renna, 'Ora chiudiamo in bellezza con la finale OPES'