1a Categoria

Punto Prima Categoria: Palmieri, 'Grottaglie stagione fallimentare'

Alessio Petralla
15.05.2018 18:05

Dopo l'eliminazione nei play off di Prima Categoria di Mottola e Grottaglie è il tecnico del Lizzano, Aldo Palmieri, a tracciare un punto, a Blunote, su questo campionato che ha visto il Norba Conversano ottenere la promozione in Promozione: "Beh, bisogna guardare il bicchiere mezzo pieno visto che nessuna tarantina è retrocessa. Nella prossima stagione, con Massafra e Sava e l'eventuale ripescaggio dell'Atletico Martina vedremo un girone, ancora, più ricco di compagini tarantine...".

IL MOTTOLA: "Questa formazione si è dimostrata la migliore tra le tarantine visto che è arrivata più sopra tra tutte. Era partita per disputare un campionato tranquillo accedendo ai play off e lottando per la vittoria del campionato. Qualche pareggio di troppo ha pregiudicato il cammino del Mottola visto che si è trovato a soli due punti dal Conversano. Stagione più che soddisfacente".

IL GROTTAGLIE: "A questa squadra va data la maglia nera delle tarantine. Per i biancoazzurri è stata una stagione più che fallimentare visto che era partita come favorita con calciatori che in Promozione sarebbero titolari. Addirittura, sono finiti quinti uscendo al primo turno dei play off...".

IL MANDURIA: "Nel complesso la stagione dei biancoverdi è stata deludente: dopo la retrocessione della passata stagione ci si aspettava una pronta risalita o direttamente dal primo posto o tramite i play off. A parer mio la rosa, comunque, non era all'altezza dell'altissima classifica. Con l'arrivo di Lippolis qualcosa è cambiato: il tecnico ha dovuto vedersela con parecchi forfait e molti giovani. Ha fatto benissimo".

IL SAN MARZANO: "Poteva fare di più visto che aveva una rosa almeno da play off. Dovevano provarci fino alla fine invece dopo una grandiosa partenza sono calati".

LA DON BOSCO MANDURIA: "Ha disputato un campionato sopra le righe raggiungendo la salvezza molto prima. Ad un certo punto della stagione si è trovato sopra al Manduria. Con ragazzi locali questa società ha disputato una stagione positiva".

IL CASTELLANETA: "Da anni, ormai, fa leva sui giovani. In quest'annata ha ottenuto la salvezza con un mese di anticipo. Con tanti under bisogna far passare del tempo per togliersi delle belle soddisfazioni".

IL CRISPIANO: "Era partito con altri presupposti. Aveva calciatori importanti in rosa ma con il passare del tempo ha ridimensionato ottenendo la salvezza alla penultima giornata. Ha disputato un campionato non nelle previsioni".

FOTO GIORGIA CANNELLA

Commenti

Serie B: Covisoc, deferimento Bari rinviato al 1° giugno
Paolo Ischio: 'Il calcio come arte del gioco...'