Cultura, musica e spettacolo

Musica: A Crispiano il flamenco dei Son de Vuelta

Secondo appuntamento della rassegna musicale Scariche Sonore organizzata dall'associazione Symposium Arte. Giovedì sera in piazza San Francesco il viaggio tra musica e danza andaluse

Comunicato stampa
26.06.2018 13:16

Giovedì 28 giugno al Symposium Cafè di Crispiano c'è il secondo appuntamento stagionale della rassegna musicale Scariche Sonore. Questa settimana, in piazza San Francesco, spazio al flamenco con le note dei Son de Vuelta, un viaggio nella musica, nella danza e nei costumi del flamenco tradizionale con contaminazioni latine cosiddette “de vuelta”, ossia quelle di “ritorno” dall’America Latina, in cui il flamenco si è “mezclado” col son cubano. Insomma un ensemble di strumenti e repertori che, a partire dall’Andalusia, viaggiano fino a Cuba: andata e ritorno.

Il live è gratuito e avrà inizio alle 22. Per informazioni e prenotazione tavoli è possibile telefonare allo 099.4005927. Oltre ai panini, ai piatti unici, alla stuzzicheria, alle birre, ai gelati e a tanto altro che il Symposium Cafè propone, durante le serate ci sarà anche la possibilità di gustare le tipiche specialità gastronomiche crispianesi di carne alla brace della Macelleria da Orazio.

SON DE VUELTA 

Il gruppo Son de Vuelta nasce nel 2014 con l'obiettivo di contaminare il flamenco con altre influenze musicali. I componenti del gruppo, infatti, prima di approdare e specializzarsi in questa disciplina, hanno compiuto numerose altre esperienze personali.

Giorgia Bartolo (bailaora e canto) - Diplomata in danza classica e moderna alla Royal Accademy of Dancing, ha studiato danza contemporanea con Elisa Barrucchieri. In seguito ha studiato danza contact con Franco Zita. La sua passione per il flamenco sboccia nel 2003 studiando in Italia e in Spagna con insegnanti di rilevo internazionale, tra i quali Pastora Galvan, Mercedes Ruiz, Manuel Bentanzos, Juana Calà. Ha collaborato, tra gli altri, anche con l'orchestra di Chitarre "De Falla" diretta dal Maestro Scarola. In Italia ha studiato con Maribel Lopez, Carmen Meloni e Caterina Costa. Insegna danza flamenco a Bari e provincia in varie scuole di danza dal 2007.

Giovanni Ceresoli (chitarra e cajòn) - Proviene dalla chitarra elettrica e dalle percussioni (cajon, body percussion). Ha intrapreso lo studio della chitarra flamenca dopo aver vissuto a Barcellona. Nel 2006 si è trasferito a Granada dove ha studiato all'Esquela Superior de Arte Flamenca con la famiglia Zarate. In Italia ha poi proseguito gli studi con il maestro Juan Lorenzo. Dal 2007 inizia a studiare il Tres cubano sia in chiave Son che in chiave flamenca, subendo il fascino e l'influenza di Raul Rodriguez dei Son de la Frontera. Nel 2015 frequenta una master class individuale con il tresero e chitarrista flamenco Raul Rodriguez con cui approfondisce l'impiego del Tres cubano in chiave flamenco.

Diego Catalano (percussioni) - Proviene dalle percussioni cubane, afrobrasiliane, moderne e dalla body percussion. Dal 2002 inizia il suo percorso di studi dei ritmi e delle percussioni della tradizione musicale afrocubana, afrobrasiliana e popolare del sud Italia, con maestri di fama nazionale e internazionale, tra cui Giovanni Imparato Gilson Silveira, Kal Dos Santos, Dudu Tucci, Stefano Rossini, Mestre King, Jesus Lorenzo Peñalver "Cusito". Dal 2008 al 2010, al Conservatorio di Lecce consegue il corso “Le Percussioni ed il Jazz” col maestro Giovanni Imparato. All'Avana nel 2009 studia con el “Piri” Manley Lopez della famosa famiglia de los Chinitos e con Josè del Pilar. Nel 2009 partecipa al festival internazionale Timbalaye a Cuba nel progetto musicale Tammumba.

Lucia de Santis (bailaora) - Inizia a studiare ballo flamenco nel 1993, frequentando prestigiose accademie di flamenco a Siviglia e a Jerez de la Frontera. Vanta numerosissime collaborazioni con artisti di rilevo nazionale e internazionale. Attualmente insegna danze orientali e flamenco presso diverse scuole di danza a Bari. 

Libri: Flavia Piccinni vince il Premio Enea per la saggistica
Giornata della Sicurezza: Ristrutturazione dei centri storici