TARANTO

Fidelis Andria: Potenza, 'A Taranto non giocheremo impauriti'

Il tecnico biancoazzurro a Blunote: 'Taranto e Andria due piazze pazzesche'

Alessio Petralla
27.10.2018 11:18

La convincente vittoria di domenica scorsa ha ridato linfa alla Fidelis Andria del giovane tecnico Alessandro Potenza che, a Blunote, delinea la condizione dei suoi ragazzi: “Abbiamo affrontato la settimana come sempre, impegnandoci e non pensando alla gara che ci aspetta. Siamo partiti i primi giorni di settembre e la rosa è stata costruita poco alla volta. Sarebbe da presuntuosi e da stupidi non vivere alla giornata. Da un mesetto si sta ricreando entusiasmo e la squadra, giorno dopo giorno, mette benzina nelle gambe, compattandosi sempre di più. Restiamo con i piedi per terra perché la rosa è molto giovane”.

FORMAZIONE: “Per la sfida di Taranto avrò tutti gli effettivi a disposizione. Di certo, chi ha ripreso in questi giorni non sarà al top”.

L’AMBIENTE: “Taranto, o si trova al primo posto o no, è e resta una piazza pazzesca come anche Andria. Sarà una partita vera con il primato dei tarantini che porterà maggiore entusiasmo sugli spalti. A prescindere dall’aspetto ambientale resta un derby di categoria superiore”.

IL TARANTO: “Il Taranto, assieme al Cerignola, è tra le più forti del girone H, che per me è il raggruppamento più difficile dei nove. La formazione di Panarelli ha iniziato benissimo e ha calciatori forti per la categoria. Dobbiamo avere massimo rispetto nei loro confronti e affrontarli con umiltà. Una cosa è certa: non giocheremo impauriti”.

IL CAMPIONATO: “Si stanno rispettando gli equilibri: al momento non vedo grosse sorprese. Mi aspettavo di trovare il Gravina e il Savoia un po’ più su in classifica. Occhio al Picerno che è una formazione organizzata con un centrocampo e un attacco che possono far male”.

LA GARA: “Domenica mi aspetto una sfida molto tattica: se, però, la partita non sarà sbloccata credo che salteranno i vari tatticismi. Sarà uno spettacolo”.

Si ringrazia:

Pronostici: Rufini, 'Panarelli sente la maglia rossoblù sulla pelle'
Taranto: Massimo, 'Primato? Nello spogliatoio non ne parliamo’