TARANTO

Taranto: Panarelli, ‘Avremmo meritato qualche punto in più’

Dopo il 3-0 al Sorrento, il tecnico rossoblu ne approfitta per tracciare un bilancio sul girone d’andata

23.12.2018 17:10

“Era importante vincere, indipendentemente dal risultato e dall’andamento del match. Abbiamo segnato nel momento migliore del Sorrento, che ci ha sorpreso per essersela giocata subito a viso aperto, finalmente direi. Bilancio sul girone d’andata? Avremmo meritato qualche punto in più, anche perché a oggi non c’è stata alcuna compensazione. Se guardiamo la classifica, il bilancio non può essere positivo dal momento che la vetta è lontana, ma continuano a crederci perché sei punti non sono tanti considerando che un anno fa il Taranto girò con 13 lunghezze di svantaggio dal Potenza. Il Picerno? Continua a vincere confermandosi un’ottima squadra, ma dobbiamo pensare solo a noi stessi perché miglioriamo di domenica in domenica e non abbiamo intenzione di mollare. Vittorio Esposito? È arrivato in punta di piedi ed è stato accolto benissimo dai compagni. Gli ho spiegato chiaramente che in questa squadra ci sono tanti calciatori importanti e che il posto da titolare non è assicurato a nessuno. Chi pensa di essere un titolare inamovibile in questo gruppo non ci può stare. Anche perché con il Sorrento sono rimasti in panchina calciatori come Manzo e Di Senso. Ne approfitto per augurare un buon Natale ai tifosi rossoblu che ancora una volta ci hanno dato una dimostrazione d’affetto affollando lo “Iacovone”. Sul campionato: “Dobbiamo pensare solo a noi perché vincere aiuta a vincere. Abbiamo subito un solo gol nelle ultime cinque partite, quindi c’è un miglioramento netto in tutto e per tutto, siamo contenti per questo”. Negli ultimi sei anni di Serie D, il Taranto non aveva mai raggiunto i 33 punti al termine del girone di andata: “Fa piacere, ma io sono proiettato sempre a quello che è l’obiettivo finale, perché conta soltanto essere primi a maggio”.

Sorrento: Guarracino, ‘Il Taranto non ha bisogno di simulare’
Taranto: Oggiano, ‘Il Picerno non molla, ma noi ci siamo’