FUTSAL

Futsal A2/F: Città di Taranto ko, al Bellevue vince Rionero

Seconda sconfitta stagionale per la squadra di Liotino, che perde per 2-6 contro le lucane. Liotino: ‘Primo tempo da vergognarsi, poi una buona reazione. Questa maglia va sudata sempre’

Comunicato stampa
28.10.2018 20:04

Non arriva la tanto auspicata prima vittoria casalinga della Corim Città di Taranto che, dopo due straordinarie vittorie ottenute in trasferta, al centro sportivo "Bellevue" perde per 2-6 contro la Futsal Rionero. Un primo tempo davvero difficile da commentare per le rossoblu che, dopo l'ottima occasione giunta a pochi istanti dall'inizio del match di Cardolini Rizzo, subisce tre gol in cinque minuti, indirizzando negativamente l'andamento dell'intero incontro. La prima frazione si conclude addirittura sullo 0-5, tra l'incredulità del numeroso pubblico giunto al Palazzetto nonostante il violento nubifragio abbattutosi su Taranto. La ripresa inizia con la sesta rete del Rionero, una sorta di "pietra tombale" per le ioniche. Infatti, la reazione, come accaduto contro l'Octajano all'esordio, arriva ma è tardiva, con l'ottima Schiavoni che realizza una doppietta che rende meno amaro il passivo finale. La nota positiva della giornata è sicuramente l'esordio di Martina Cacciapaglia, quattordici anni appena compiuti, che ha difeso i pali della Corim più che egregiamente negli ultimi tre minuti di gioco, al posto di una comunque molto positiva Cordaro. Per Cacciapaglia il record di atleta più giovane di tutta la serie A2. "E' stato un primo tempo di cui mi sono vergognato - commenta il tecnico tarantino Vito Liotino - mentre nella ripresa abbiamo avuto una buona reazione, ma quando era troppo tardi. Complimenti al Rionero: questa maglia non è semplice da indossare, ogni domenica bisogna comprenderne il valore. Giovedì andiamo a Grottaglie per la coppa Italia, poi arriverà la Sangiovannese: sarà una settimana dura ma daremo il massimo".

Promozione/A: Martina spreca, Bitetto serve la beffa nel finale
Basket C Gold: Cus Jonico Taranto, Ostuni da dimenticare