Cultura, musica e spettacolo

Martina Franca: ‘Gospel, il canto che racchiude un riscatto’

Comunicato stampa
03.01.2019 15:31

Il 5 Gennaio alle ore 19:30, nella splendida cornice della Basilica di San Martino verrà messo in scena lo spettacolo Gospel promosso dal Comune di Martina Franca e dall’Associazione Salam nell’ambito del progetto SPRAR. Lo spettacolo sarà realizzato dall’Accademia Pianistica “Scuola Napoletana” di Vincenzo Vitale e con la partecipazione del Maestro Pasquale Castaldo. Il Gospel è un genere musicale che nasce nell’America separatista e schiavista, per poi svilupparsi e prendere vita e vigore nei canti religiosi delle “chiese nere”. Già perché c’è stato un tempo in cui c’erano le “chiese dei neri” e “chiese dei bianchi”, i posti da sede nei pullman “per i neri” e i posti da sedere nei pullman “per i bianchi”, il lavoro nei campi “dei neri” e il lavoro dei campi “per i bianchi”. C’è stato un tempo…o c’è ancora questo tempo? Possiamo veramente dire che ad oggi la nascita del Salvatore ci ha davvero resi liberi e uguali cosi come i Vangeli di Cristo ci hanno tramandato? Il senso profondo del Natale, come dice Papa Francesco, non dovrebbe ritrovarsi solo nella parte più materiale della festa, ma nella natura spirituale che la nascita di Cristo ci chiama a vivere. Pensiamo a Maria in una stalla e Cristo al “freddo e al gelo” non come un’immaginetta da presepe o ad una litania da cantare, ma pensiamole nell’oggi, immaginiamo il Cristo rincarnato nella povertà di tutti (nessuno escluso e senza distinzioni di razza!). Cristo nasce ogni giorno in ogni bimbo in ogni uomo che chiede aiuto. Un Gospel può essere solo uno spettacolo musicale, ma può, e deve essere come in questo caso! molto di più se profondamente abbiamo lasciato nascere Cristo nel nostro cuore, quel Cristo nato a Bet-Laim oggi in conflitto, quel Cristo a cui i Re Magi, provenienti dall’odierna Iraq, Iran e Siria terre insanguinate dall’Isis, hanno portati i loro doni delineando in questi tre oggetti la vita di Cristo, fatta di grazia e di martirio. La serata sarà occasione anche per eleggere il vincitore del concorso “Cosa sono i diritti umani?” che ha visto quest’anno autori provenienti da tutto il mondo confrontarsi con la tematica e inviare i loro elaborati. Nel corso della serata i bambini presenti riceveranno dalla befana anche la calza…. i bambini buoni ovviamente!

Studio 100 Tv ai sindacati: ‘Accanimento mediatico contro di noi’
Eventi: Monteiasi, il 5 gennaio ‘La Befana arriva in centro’