1a Categoria

1a Categoria: Castellaneta e Grottaglie non fanno più notizia

Le due squadre continuano a macinare vittorie giocando un campionato a parte

Michele Trani
06.02.2019 09:06

Il Castellaneta che ha superato lAcquaviva conquistando il decimo successo interno di fila

Non fanno più notizia i successi di Grottaglie e Castellaneta che proseguono spediti la marcia in vista dello scontro diretto del 24 febbraio in programma al D’Amuri. Gli uomini di Orlandini portano a casa l’ottavo successo consecutivo (undici vittorie ed un pari nelle ultime dodici ndc) espugnando senza troppa fatica il campo della Cedas Avio Brindisi. Un successo firmato dalla coppia offensiva De Tommaso-Galeandro che conferma la capacità dei biancazzurri di adattarsi a tutte le condizioni del terreno di gioco. I tarantini, nettamente i migliori per rendimento esterno, hanno finora collezionato lontano da casa ben 27 punti (nove vittorie ed una sconfitta, quella maturata in quel di Castellaneta e costata l’esonero a Marinelli).Ancora in gol De Tommaso, autentico uomo in più dei biancazzurri nonché trascinatore nei rari momenti di difficoltà della stagione. Se i grottagliesi sono i migliori lontano da casa, non conoscono rivali tra le proprie mura i valentiniani del Castellaneta. Il “De Bellis” si conferma talismano inespugnabile anche contro l’Acquaviva. Ancora una volta però è servito un guizzo a tempo quasi scaduto per avere la meglio sugli ospiti, bravi a tenere testa fino in fondo. Rincorre un piazzamento play-off il Sava che, nel big match di giornata, riesce ad avere la meglio sul Polimnia grazie ad un acuto di bomber Vasco. Vittoria fondamentale per la Academy che, a meno nove dalle due battistrada, coltiva il sogno di allungare la stagione rientrando nel margine previsto per la disputa dei play-off. Fondamentali, in questo senso, saranno gli scontri diretti a partire da quello previsto il 17 febbraio contro il Grottaglie. Giù dal podio coltiva sogni play-off anche il Capurso. I baresi passano senza problemi sul campo del San Marzano ormai fuori dai giochi ed in piena crisi di risultati. Bene anche il Massafra che prosegue la corsa verso le posizioni più nobili della graduatoria vincendo sul campo del Latiano. I tarantini mettono a nudo le attuali difficoltà dei brindisini volando a quota 34 in compagnia del Polimnia ed a meno uno dal Capurso. In mezzo alla classifica torna al successo la Virtus Locorotondo che già aveva dato segnali di ripresa domenica scorsa contro il Massafra. Al Viale Olimpia è l’Erchie a cedere 5-2 permettendo ai blaugrana di tornare ad assaporare il gusto del successo che mancava da ben due mesi. Vittoria di misura invece per la Football Acquaviva che riesce ad avere la meglio sulla Don Bosco e resta in sesta posizione a quota ventinove. Nella parte più bassa della graduatoria buon punto per il Crispiano che puntella la classifica impattando 1-1 tra le proprie mura contro il San Vito. Punto importante anche per i brindisini che staccano la Cedas, battuta dal Grottaglie, ed allungano sulla Football Acquaviva portando a cinque il vantaggio sulla zona play-out dove né i baresi dell’Acquaviva né i brindisini dell’Erchie riescono a muovere la classifica. Ennesima sconfitta infine per la Don Bosco che lotta, ma non trova la forza per portare punti a casa sul campo della Football Acquaviva. Per i messapici, tenuti in vita dalla matematica, speranze salvezza ridotte al lumicino visto anche gli appena tre punti messi finora in cascina.

Basket: Santa Rita Taranto al comando della C Silver
Serie D/H: Bomber, D’Agostino si riprende lo scettro