Teatro

Voci nella notte, nuova edizione ‘I traviati alquanto traviati’

Tornano le voci degli artisti che risvegliano le notti e stavolta più forti che mai

29.09.2018 18:06


Eccentrici, assurdi, irreali, incredibili, folli, amabili, da odiare, magari incomprensibili.... Sono così gli artisti di “Voci nella notte”. Sono loro che ci porteranno tra i sogni, gli incubi, i desideri, le ansie, i problemi di ogni giorno. Un viaggio nei sentimenti e nelle ragioni del quotidiano. Un viaggio a tappe, interattivo e passionale che non pretende di dare soluzioni o consigli, ma semplicemente un viaggio che mette a nudo l'artista e lo spettatore stesso, che contrappone sogni e paure, amore ed odio, interesse e sincerità, follia e razionalità.

Con 
Francesca Marseglia
Marina Lupo 
Annamaria Passaro
Angela De Bellis
Mariangela Lincesso 
Tiziana Risolo
Sarah Genga
Daniela delle Grottaglie
Ivana Ferro
Roberto Grande
Amelia Quaranta
Antonella Chiloiro
Federico Passariello
Willy Berti 
Chicco Passaro
Michela Cera.
Amerigo Ruocco
Gabriele Salonne
Vito Gioffredi
regia: Federico Passariello e Chicco Passaro 

Tornano le Voci che risvegliano le notti d'estate,e questa volta sono più forti che mai. Tornano i Magazzini Teatrali con la nuova edizione di Voci Nella Notte “I Traviati....alquanto traviati”. Come si può ben capire questa edizione è dedicata alla Traviata. Mentre lo scorso anno hanno messo in scena Il sogno di Una Npotte di mezza Estate, ovviamente secondo il loro modo di vedere il testo, i due registi Chicco Passaro e Federico Passariello hanno “osato” mettere mano al libretto della “ Traviata” tirando fuori un altro lavoro brillante ed esilarante. Nei Panni Di Violetta Annamaria Passaro mentre Alfredo è interpretato da Federico Passariello. Testimone di tanto amore travagliato sarà Chicco Passaro nelle vesti del dottore. Ovviamente non possiamo raccontarvi tutto. Il format è quello ormai collaudato e vincente degli scorsi anni che vede nella prima parte la messa in scena la riduzione della Traviata ( in una mise assolutamente da non perdere) per proseguire con gli artisti che si esibiranno nelle varie dimore in coppia con i loro brevi monologhi per poi fare ritorno nell'Agorà centrale e dar vita ad un crescente e coinvolgente finale musicale. L'appuntamento è venerdì 29 giugno 2018 presso la sede dell'Università di Taranto nella città con inizio dalle 21,00- Ingresso € 10,00 . gli under 14 non pagano. Insieme alla competenza maturata in campo teatrale e musicale, abbiamo pensato di realizzare “Voci nella Notte”, un’intera serata dedicata al vasto ed eterogeneo genere dell’arte, fatto di diverse espressioni artistiche, dalla recitazione al canto, dal mimo alla danza, legati da un filo conduttore narrativo. Lo spettacolo prevede un cast di circa 20 artisti: si apre con una presentazione musicale subito dopo gli attori cercheranno di attrarre l’attenzione del pubblico che, in piccoli gruppi da 15 o 20 persone, li seguirà all’interno di luoghi individuati e deputati all’interpretazione di brevi monologhi che non supereranno i 15 minuti cadauno. In ogni luogo individuato saranno due gli artisti ad esibirsi, in modo da permettere una migliore logistica ed organizzazione. Al termine dei monologhi, che gli spettatori potranno scegliere a loro piacimento, gli stessi rientreranno all’interno del nucleo centrale, per assistere allo spettacolo finale che prevede la partecipazione di tutti gli artisti che si sono esibiti nel corso della serata e nei singoli monologhi, per un finale coinvolgente. 
Si vuole inoltre sottolineare l’importanza che questo spettacolo avrà, non solo per le forze creative che si andranno ad esibire, ma anche per la valorizzazione e riscoperta dei luoghi che si andranno ad utilizzare (atrii di antichi palazzi, scantinati, ipogei, ecc…). Inoltre prima durante e dopo si potrà apprezzare la mostra dedicata a questo spettacolo da Martino Marzella che in questi quattro anni ha seguito lo spettacolo immortalandone le immagini.
L’ATTORE E LA SUA MASCHERA. (foto di una grande magia) Nel teatro antico dai greci sino al teatro dell’arte ogni personaggio aveva la sua maschera, perché in teatro l’attore deve abbandonare se stesso per diventare un altro con altri sentimenti, con altre idee con un altro carattere. La maschera aveva proprio questo compito fissare ed amplificare le caratteristiche di quel personaggio. Il teatro moderno pretende di più, pretende che sia lo stesso artista a trasformare se stesso nel personaggio, la mimica . il volto sono gli strumenti di questa trasformazione. La fotografia teatrale ha un compito arduo cogliere l’attimo in cui questa trasformazione avviene e mostrarla nella sua massima intensità. Intuito, esperienza, rapidità di esecuzione questa è l’arte della fotografo teatrale. Martino Marzella ormai da molti lustri segue ogni forma di teatro incontra gli attori, i cantanti, i registi, entra nella compagnia, e coglie i volti.

Taranto (Taranto)
Università Città Vecchia
ore 21,00
ingresso a pagamento
10,00
Info. 3290817679

 

 
Serie B: 6a Giornata, la capolista Verona cade a Salerno
[Video] Serie C/C: Matera ko, primi 3 punti per la Vibonese