V. FRANCAVILLA

V. Francavilla: Fernandez, 'Voglio una Virtus arrabbiata e vogliosa'

Alessio Petralla
16.02.2019 12:53

Domenica match interno prestigioso per la Virtus Francavilla che ospiterà la Reggina del neo tecnico Drago. Voglia di riscatto, dopo il ko di Viterbo, in casa biancoazzurra come spiega, a Blunote, il Direttore Sportivo Mariano Fernandez: “I ragazzi stanno bene. In questi giorni è aumentata la rabbiaper via del ko di mercoledì. Fortunatamente giochiamo subito: vogliamo il riscatto. Abbiamo preparato la sfida con la Reggina con la consapevolezza che non dobbiamo commettere errori e che dobbiamo essere più compatti”.

FORMAZIONE: “I ragazzi sono tutti disponibili anche se Sirri è ancora da valutare”.

LA REGGINA: “Ho visto all’opera la Reggina e posso confermare che ha qualità oltre che giocatori importanti. Il cambio d’allenatore raddoppierà le motivazioni dei calciatori amaranto. Sarà una bellissima partita con un avversario di spessore in cui dobbiamo fare il nostro”.

LA GARA: “Da parte dei ragazzi mi aspetto una prestazione importante come del resto sono abituato a vedere. Devono cercare di fare ancora di più perché è possibile. Per ottenere buoni risultati siamo chiamati a pensare una gara alla volta. Voglio vedere una Virtus arrabbiata e vogliosa”.

IL CAMPIONATO: “Si tratta di un campionato complicato in cui ci sono tante squadre quadrate. Lo conferma la classifica cannonieri con Castaldo in testa con undici reti. Va avanti chi commette meno errori”.

MATERA: “Ho avuto la possibilità di scrivere un pezzetto di storia di questo club vincendo un campionato e collaborando come ds. E’ una piazza importante. La città e il pubblico non meritavano questa fine ma quando le gestioni non sono ottime è normale che finisca così. Purtroppo pagano sempre i supporters. Mi dispiace perché con loro ho un gran rapporto. Spero possa arrivare una persona seria che faccia ripartire al meglio il calcio a Matera”.

Si ringraziano:

Martina: Marasciulo, 'Orario inusuale? Nessun problema'
Andria-Taranto: Di Bitonto, 'Sarà una partita a scacchi'