TARANTO

Altamura: Gambuzza, 'E se Marsili non si fosse inventato quei due gol...'

Il difensore dei baresi a Blunote: 'Il Taranto a Cava dovrà cambiare atteggiamento...'

Alessio Petralla
14.05.2018 20:05

Stagione da dieci in pagella per l’Altamura eliminata ai play off dal Taranto: parola di uno dei perni della squadra di Ciro Ginestra, Raffaele Gambuzza che, a Blunote, analizza la sfida di domenica: “Siamo partiti forte e se Aliperta avesse segnato il rigore l’andamento del match sarebbe cambiato totalmente. Sullo 0-0, poi, siamo riusciti a costruire un’altra grande occasione con D’anna che ha colpito la traversa. Si sa come va nel calcio alla prima occasione si viene puniti. Usciamo a testa alta da questi spareggi anche perché ci abbiamo messo tanto impegno. All’Altamura il voto che do è dieci”.

PREPARAZIONE: “In avanti il Taranto ha calciatori importanti ma l’avevamo studiata bene cercando di bloccare Ancora e D’agostino: se non giocano loro due gli ionici fanno fatica. Ovviamente, poi, sono arrivate le due perle di Marsili: se non fossero entrati quei palloni sarebbe stato un match equilibrato. Il Taranto non ci ha mai messo, seriamente, in difficoltà a differenza nostra che abbiamo avuto tante occasioni”.

CAVESE-TARANTO: “Sarà una bella gara. A Cava, gli ionici se la giocheranno nonostante le grandi difficoltà che presenterà la trasferta. Se il Taranto entra in campo con la mentalità di domenica, in Campania, però, farà fatica. Deve cambiare atteggiamento”.

GAMBUZZA: “Ad Altamura mi vogliono e nei prossimi giorni ci sarà un incontro. Intanto voglio andare in vacanza e rilassarmi”.

SUL TARANTO…: “Mi è piaciuto molto il loro possesso palla, con giocatori di qualità come Marsili e Galdean a centrocampo. Altra nota positiva è la grande personalità di Bilotta. Senza Rosania, però, fanno fatica: è un calciatore che fa la differenza. E’ mancato e a Cava può essere pedina importantissima”.

Si ringrazia:

Commenti

L'analisi di Altamura-Taranto: Rufini, 'Marsili uomo in più dei rossoblù'
Ilva: I Genitori tarantini scrivono al sindaco Rinaldo Melucci