Cultura, musica e spettacolo

Nel carcere di Taranto, produrre birra aiuta a 'riscattarsi con gusto'

Comunicato stampa
12.09.2018 16:35

Venerdì 14 settembre alle ore 11.15 presso la sala conferenze del padiglione 18 della Fiera del Levante (Agrimed) verrà presentato alla stampa il progetto “Riscattarsi con gusto”. Il progetto metterà in campo tutta una serie di iniziative finalizzate a contrastare un fenomeno drammatico dai costi economici e sociali elevatissimi, ovvero quello delle recidive dei detenuti. La produzione di birra artigianale all’interno del carcere di Taranto permetterà ai detenuti di realizzare un percorso di formazione e inclusione applicato alla produzione e mescita di birra artigianale a km zero. Nel corso della conferenza stampa di presentazione del progetto, il Provveditore dell’Amministrazione Penitenziaria di Puglia e Basilicata il dott. Carmelo Cantore, unitamente al direttore della struttura penitenziaria di Taranto la dott. Stefania Baldassari, evidenzieranno come l’incremento di attività lavorative all’interno delle strutture penitenziarie, attraverso attività imprenditoriali come il birrificio, possano diventare uno strumento che faciliti non solo il reinserimento, ma può fornire occasioni d’impiego al termine della pena, con conseguente abbattimento del rischio di recidiva. Sarà presente, il Presidente dell’Associazione MondoBirra ing. Piero Conversano, il direttore del Progetto “Riscattarsi con gusto” il giornalista Espedito Alfarano. E’ previsto un saluto del presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. Il progetto prevede la sperimentazione produttiva di una birra artigianale preparata dai detenuti con il pane che altrimenti finirebbe nella pattumiera. Sarà una birra chiara, dove la materia prima recuperata (il pane, appunto) va a sostituire in parte il malto d’orzo, conferendo profumi e sapori di crosta di pane a una bevanda dalla gradazione alcolica modestissima. Come verrà spiegato nella conferenza stampa, il progetto prevedere una collaborazione con l’istituto tecnico agrario di Massafra in provincia di Taranto che permetterà, sui terreni del carcere, di coltivare orzo e luppolo per produrre birra.

Serie D: Mercato, per l'Altamura un ex Cosenza, Reggina e Bari
Taranto: Mercato, ufficiale il rinnovo di Pellegrino