ALTRI SPORT

Volley B2F: La DS Oria parte bene, ma poi rovina tutto

19.11.2017 02:11

Resta ancora difficile il feeling con le gare esterne della Damiano Spina Oria che parte bene ma poi vanifica, soprattutto nel quarto set, quanto di buono visto nel primo parziale. Finisce 3-1 in favore di Chieti la gara che qualche indicazione in più ha sicuramente dato a coach Piero Acquaviva. Resta il rammarico per non aver mosso la classifica, soprattutto quando, nel terzo parziale, il punto poteva essere alla portata delle ragazze brindisine.

Inizio contraddistinto dall'equilibrio con la Damiano Spina che inizia sotto 3-1, sfrutta la battuta di Scaglioso per recuperare terreno e, col muro di Diviggiano, riesce a portarsi sul 7-3. Sempre la numero 2 oritana ha il braccio caldo e spinge la Damiano Spina sul +5 (10-5). Dopo un buon lavoro in fase di ricezione difesa, è efficace il contrattacco di Scaglioso (12-6). La squadra sembra anche ritrovare fiducia, soprattutto da un muro che inizia ad alzare pian piano i centimetri, sopra il quale passa, ma fuori, la formazione di casa (19-10). Se a questo aggiungiamo una Leone che inizia a caricare i colpi in maniera sempre più forte il gioco è fatto: primo set a favore della Damiano Spina per 25-14. Secondo parziale che è sempre equilibrato, con le abruzzesi che provano un timido allungo sul 7-4 a proprio favore. Ma questa timidezza si trasforma in convinzione, visto che la Damiano Spina non riesce a dare la stessa intensità in concentrazione e precisione. L'andamento è costante per quasi tutto il set: ogni qual volta la formazione oritana prova a ridurre il gap, Chieti respinge al mittente le velleità di rimonta (il muro sul 21-16 assieme al successivo punto teatino sono, forse, i momenti più difficili del set). Le brindisine, spinte da coach Acquaviva, provano a tornare in gara sul 23-20, chiudendo al meglio gli attacchi della formazione di casa. E la scossa giunta dai due timeout consecutivi sembra essere quella decisiva, perché si giunge al -1, grazie a un bell'attacco di Leone. Chieti risponde con 2 palle set: la prima viene annullata, la seconda finisce nella rete delle abruzzesi. Si va ai vantaggi che premiano Chieti. Messo da parte il gioco di fioretto, entrambe le squadre iniziano a sfidarsi a viso aperto. Oria lascia qualcosa a muro, più convincete quando attacca. La Damiano Spina mette la freccia sul 9-8, subisce il sorpasso sul 11-10, impatta a 14. Ed è qui che Chieti sfrutta tante palle sporche, Oria cala in difesa e in attacco. Si va sul 17-14 col timeout di Acquaviva che prova a scuotere le ragazze come accaduto nel secondo parziale: detto-fatto. E' parità a 17, grazie nuovamente ai servizi di Scaglioso. Anche Chieti inizia a sbagliare e nelle ultime curve del terzo set vedono uno stato di equilibrio, rotto da due errori difensivi che vanificano il bel recupero nella pancia del periodo (22-19). Tutto da rifare, serve una nuova rimonta: ci prova Diviggiano, da servizio, e Benefico, forte a tutto braccio (23-22). Bisogna annullare nuovamente due palle set, come successo in precedenza. Su un punto abbastanza contestato Chieti si mantiene avanti e chiude 25-23. La rabbia della Damiano Spina viene gettata sul campo: inizialmente ordinata (3-1) poi imprecisa (sotto per 8-4 le oritane). Se a questo aggiungiamo delle incertezze in fase di ricezione il quadro diventa preoccupante (11-5). E, questa volta, i timeout portano una svolta parziale per la Damiano Spina. L'inerzia del match è tutto della Teatina Chieti che chiude per 25-17 il match.

TABELLINO

TEATINA CHIETI-DAMIANO SPINA ORIA 3-1 (par.li 14-25, 26-24, 25-23, 25-17)

TEATINA CHIETI: Mazzarini, Michetti ne, Negroni 2, Di Tonto ne, Matrullo 12, Cocco 1, Caponene, Di Tizio 0, Ragone 9, Lupidi 17, Perna 8, Kus 5. All. Esposito

DAMIANO SPINA ORIA: Zanzarelli ne, Diviggiano 5, Cozzetto ne, Casalino 6, Scaglioso 4, Bozzetto, Valente 2, Leone 17, Benefico 13, Limonta 0, Galiulo 7. All. Acquaviva

ARBITRI: Federica Tosti, Valentina Di Virgilio

Taranto: Paradisi, ‘Dobbiamo fare il salto di qualità’
Basket C: Cus Taranto, Palafiom ancora una volta ‘ostile’