1a Categoria

1a Categoria/B: Amaddio ribalta Castellaneta, Grottaglie in vetta

Al D'Amuri partita al cardiopalma decisa da un colpo di testa di Amaddio, subentrato da dieci secondi. Espulsi Lecce, De Tommaso e Cantalice, decisiva la voglia di vincere dei grottagliesi

Michele Trani
24.02.2019 21:24

Il Grottaglie riapre i giochi promozione battendo, di misura, la capolista Castellaneta. I biancazzurri riscattano l'insufficiente prova di domenica scorsa contro il Sava mostrando carattere e voglia di vincere, due aspetti che erano tremendamente mancati nel match del 'Camassa'. Ci hanno creduto fino in fondo gli uomini di Orlandini e sono stati premiati anche dalla fortuna con Amaddio, appena subentrato, autore del decisivo 3-2. E' stata una partita dai mille risvolti con il Castellaneta che ha sfruttato al meglio le amnesie dei padroni di casa e con il Grottaglie, bravo a crederci fino in fondo anche quando tutte le speranze sembravano perdute. Tifo di altra categoria sugli spalti con il pubblico che ha spinto più del vento gli uomini di Orlandini nelle fasi delicate del match. Al D'Amuri si parte con più di qualche novità negli undici iniziali. Non c'è quasi alternativa al successo per il Grottaglie e così Orlandini decide di osare schierando dal primo minuto tutta l'artiglieria pesante con De Tommaso, Birtolo e Galeandro contemporaneamente in campo. Novità anche in mediana dove trova spazio dal primo minuto Collocolo che si prende la regia insieme a Raffaello. Pisano ed Appeso completano il quartetto di mediana mentre, in retroguardia, vince la continuità con Cirrottola, Camassa e Pizzolante a far da scudo al numero uno Costantino. Undici offensivo anche per i valentiniani con D'Alena che decide di giocarsi dall'inizio la carta Haka, partito in panchina nelle ultime gare. Il tecnico biancorosso conferma Bufano tra i pali con Buttiglione e Russo sugli esterni e la coppia Cantalice-Macaluso in mezzo a completare il quartetto difensivo. Greco e Panzareaformano la cerniera centrale di centrocampo con Pinto-Haka-Gnonaj tridente offensivo dietro il mobilissimo Romanelli, libero comunque di svariare su tutto il fronte d'attacco. Match caldo sin dall'avvio. Una brutta entrata ai danni di Russo accende un parapiglia dopo appena trenta secondi di gioco, sedato con qualche affanno dall'arbitro Aratri della sezione di Bari. La prima emozione del match è targata Castellaneta con la botta dalla distanza di Greco deviata con affanno da Costantino. Sulla respinta si avventa il mobilissimo Gnonaj che costringe agli straordinari il numero uno di casa. La reazione del Grottaglie arriva con il tiro dal limite di Collocolo sugli sviluppi di una punizione di De Tommaso. Bufano c'è e respinge con i pugni. Al quarto d'ora insistita azione degli uomini di Orlandini con staffilata finale di Raffaello su cui si oppone il numero uno dei valentiniani. Trenta secondi più tardi De Tommaso si beve due avversari e mette dentro dal fondo. Il cross, deviato con una mano da un difensore biancorosso, costringe l'arbitro a concedere il penalty ai biancazzurri. Dal dischetto Galeandro non trema a fa 1-0 Grottaglie facendo esplodere di gioia il D'Amuri. D'Alena deve subito ricorrere ai cambi con l'ingresso di Intini al posto dell'infortunato Panzarea. I biancazzurri, sulle ali dell'entusiasmo, cercano con insistenza il raddoppio. Ma prima Camassa, su angolo di De Tommaso, e poi Collocolo dal limite non riescono ad impensierire Bufano. Alla mezz'ora l'occasionissima capita agli ospiti con la punizione dal limite di Gnonaj su cui si supera un attentissimo Costantino. Due minuti più tardi è il turno di De Tommaso che cerca e trova da calcio franco Pisano la cui deviazione sottomisura non inquadra di un soffio lo specchio. Quando il primo tempo sembra non poter più regalare altre emozioni il Castellaneta trova il pari con una gran giocata di Gnonaj che salta in bello stile Pizzolante e fredda Costantino in diagonale facendo esplodere i cento supporter ospiti. Nuovo parapiglia dopo la fine della prima frazione: l'arbitro vede tutto e mostra il rosso a De Tommaso e Cantalice, colpevoli di reciproche scorrettezze. Orlandini rimescola le carte ad inizio ripresa con gli ingressi di Cazzetta e Napolitano per Pizzolante e Pisano. Al secondo minuto cross di Appeso per Birtolo che, al volo, si vede murata la girata in corner. Dalla bandierina, un errato disimpegno di Napolitano favorisce il contropiede di Romanelli che, al limite dell'area, serve il liberissimo Haka. L'attaccante, ex Conversano, temporeggia troppo favorendo il gran recupero di Appeso, determinante nella circostanza. Ancora Appeso semina il panico nella difesa ospite prima di mettere in mezzo per Galeandro. Immediata la sponda per l'accorrente Raffaello che, da posizione favorevolissima, non trova il varco giusto per riportare avanti il Grottaglie. Al decimo un errore di Cazzetta permette al Castellaneta di recuperare palla sulla trequarti. La successiva verticalizzazione per Gnonaj trova attentissimo Costantino che anticipa tutti con i piedi. Le squadre si allungano complice l'inferiorità numerica. Al quarto d'ora gran lancio di Gnonaj per Romanelli che elude il fuorigioco e si lancia verso la porta senza trovare il giro giusto nel successivo tiro dai venti metri. Succede poi tutto nel giro di un minuto. Birtolo non trova di un soffio l'appuntamento con il pallone su cross da destra. Nella successiva ripartenza è invece letale Gnonaj che rientra sul destro ed insacca all'incrocio mandando in estasi la gradinata. Il Grottaglie prova a rialzarsi con Birtolo il cui tiro di prima intenzione sorvola di poco la trasversale difesa da Bufano. Siamo al venticinquesimo. Orlandini getta nella mischia anche Masella e viene premiato alla mezz'ora quando i biancazzurri trovano il pari con Napolitano che, di giustezza, bacia la traversa e trova il punto del pareggio facendo impazzire il D'Amuri. L'imponderabile accade al minuto trentacinque in occasione del quinto angolo a favore dei padroni di casa. Orlandini ordina il cambio prima del corner: fuori Cirrottola, dentro Amaddio. Proprio il numero tredici grottagliese stacca più in alto di tutti e mette di prepotenza alle spalle di Bufano regalando la gioia del 3-2 al Grottaglie. Estasi allo stato puro in tribuna con il D'Amuri che si trasforma in un'autentica bolgia. D'Alena cerca in panchina le mosse giuste per la rimonta: dentro Pietracito e Favale, fuori gli esterni bassi Russo e Buttiglione. Il Grottaglie rischia la beffa nel terzo minuto di recupero quando Romanelli non riesce a sfruttare al meglio una palla vagante in area sugli sviluppi di una punizione dalla trequarti. Al novantacinquesimo Birtolo sfiora il poker in diagonale a Bufano battuto. Finisce dopo otto interminabili minuti di recupero con il Grottaglie che festeggia la ritrovata vetta della classifica con i suoi tifosi. Tanta delusione invece per il Castellaneta che lascia per strada tre punti pesantissimi che rischiano di essere decisivi da qui alla fine del torneo.

GROTTAGLIE-CASTELLANETA 3-2

GROTTAGLIE (3-4-1-2): Costantino; Cirrotola, Camassa, Pizzolante (dl 1's.t. Cazzetta); Pisano (dal 1's.t. Napolitano), Collocolo (dal 28's.t. Masella),Raffaello (dal 15's.t. Fonzino), Appeso; De Tommaso; Birtolo, Galeandro. Panch: Annicchiarico,Amaddio, Lecce, Castellana, Comes. all. Orlandini.

CASTELLANETA (4-2-3-1): Bufano; Buttiglione (dal 40's.t. Favale), Cantalice, Macaluso, Russo (dal 37's.t. Pietracito); Panzarea (dal 20'p.t. Intini), Greco; Pinto (dal 15's.t. Marra),Haka(dal 7's.t. Recchia), Gnonaj; Romanelli. Panch: Lavarra, Tanzarella, Monaco, Boccasini. All. D'Alena.

ARBITRO: Aratri di Bari

RETI: Galeandro su rig. al 17'p.t., Gnonaj al 44'p.t. e al 16's.t., Napolitano al 30's.t., Amaddio al 35's.t.

AMMONITI: Macaluso (C), Pizzolante (G), Camassa (G), Appeso (G), Marra (C), Costantino (G), Galeandro (G)

ESPULSI: Cantalice e De Tommaso al termine della prima frazione di gioco, Lecce dalla panchina al 37's.t.

ANGOLI: 5-2

RECUPERO: 3' - 8'

NOTE: Spettatori 600 di cui un centinaio provenienti da Castellaneta. Terreno di gioco in discrete condizioni, . 

Taranto: Oggiano gol e assist, Favetta cambia il match
Volley C/F: La Vibrotek sfiora la rimonta ma cade in casa con Bari