TENNIS

Tennis: Tre cose da sapere su Thomas Fabbiano

I fan resteranno piacevolmente colpiti nel conoscere di più il tennista di San Giorgio Jonico, al di là di tattiche e strategie di gioco. Ecco tre curiosità che forse non tutti conoscono

09.08.2019 13:55

La schiacciante vittoria di Thomas Fabbiano su Stefano Tsitsipas a Wimbledon, a distanza di un mese, è ancora ben impressa nella memoria degli amanti del tennis e fa ancora parlare di sé. Il pugliese classe 1989, infatti, ha scritto una giornata indimenticabile nella sua carriera, battendo la promessa greca in cinque set: Stefano Tsitsipas è il sesto giocatore più forte del mondo e tra i più favoriti del seeding.

Un sogno, quello di Wimbledon, che accomuna tutti i giocatori di tennis. Si tratta del torneo più prestigioso del mondo. Wimbledon è molto più che solamente un evento sportivo, è un vero e proprio rito che si ripete dal 1877 e che richiama a Londra sportivi e appassionati ogni estate, per due settimane di divertimento, passione e suspence. Come ogni evento tanto atteso, nemmeno Wimbledon passa inosservato sotto i riflettori del settore delle scommesse online, dove diversi operatori offrono quote mesi in anticipo insieme alla possibilità di poter piazzare scommesse in tempo reale, sempre molto amate dagli appassionati del gioco.

Purtroppo per il tarantino il sogno di Wimbledon si è fermato al terzo turno, nel match contro Fernando Verdasco. Lo spagnolo ha portato a casa la vittoria in appena tre set, gestendo meglio il gamerispetto a Fabbiano durante tutto l’incontro, complici anche la sua maggior esperienza e l’emozione tangibile dell’azzurro, che gli ha fatto perdere addirittura otto palle break nel primo set.

Quel che è certo, però, è che con la sua vittoria contro il greco Tsitsipas, Fabbiano è stato tra le sorprese di Wimbledon, come anche è certo che nel corso della sua carriera – iniziata come professionista nel 2005 – continuerà a riservare a sostenitori (e non) ancora tanti colpi di scena.

Nell’attesa, intanto, i fan resteranno piacevolmente colpiti nel conoscere di più il tennista pugliese, al di là di tattiche e strategie di gioco. Ecco tre curiosità che forse non tutti conoscono:

1. Ha iniziato a giocare a 6 anni e deve la sua passione per il tennis al papà.

L’amore per il tennis ha mosso Fabbiano già in tenera età, quando a 3 anni e mezzo il padre lo introdusse allo sport, essendo socio di un circolo proprio di tennis. Fabbiano, che ha compiuto il suo trentesimo compleanno a maggio, impugnò la racchetta da bambino semplicemente lanciando la pallina contro un muro. Da allora, la racchetta non l’ha più lasciata.

2. È alto 1 metro e 72 centimetri, ma gli piace giocare contro avversari più alti.

L’altezza non è mai stata un problema, perché Fabbiano non è assolutamente intimorito da avversari che lo superano in altezza. La prova? Basta ricordare le sue vittorie contro Reilly Opelka e Ivo Karlović, i tennisti più alti dell’ATP, alti rispettivamente 2 metri e 13 centimetri e 2 metri e 11 centimetri. Il segreto per batterli? Armarsi di santa pazienza.

3. Fuori dal campo? Sì alla lettura, no al paracadutismo.

Fabbiano ama molto leggere ma, essendo uno che non si tira indietro di fronte alle sfide, ha provato attività avventurose come il paracadutismo, un’esperienza tra le più emozionanti mai vissute ma che, a detta sua, non è disposto a ripetere a breve!

Cisl: Castellucci sul rilancio del sistema portuale ionico
Giovanni Bonocore: il passato e le avventure con Del Piero e Rossi