Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

News

1a Categoria/B: Tra San Vito e Ginosa vince... l'arbitro

Lunedì 28 Novembre 2016 02:35 in 1a Categoria 267 Redazione

Termina in parità, a reti bianche, il match tra San Vito e Ginosa, con entrambe le squadre a recriminare per una direzione di gara molto discutibile. Nel guardare il tabellino delle sanzioni disciplinari (dieci ammoniti e tre espulsi) sembrerebbe un bollettino di guerra ed invece la gara è stata agonisticamente combattuta senza cattiveria. Arbitri con poco buon senso che sventolano cartellini senza misura e surriscaldano gli animi in campo, forse qualche domenica dovrebbero stare un po' a riposo e prendersi una pausa di riflessione. Tornando al calcio giocato, è stata una gara combattuta da entrambe le compagini che hanno cercato il guizzo vincente per centrare i tre punti. Partenza convincente degli ospiti che, dopo appena un giro di lancette, si rendono pericolosi su azione di rimessa innescata da Lovecchio il quale ruba palla ad un difensore e serve con un po' di ritardo Cappiello, ben piazzato al limite, consentendo il recupero della retroguardia sanvitese. La replica dei padroni di casa giunge al 3' con una conclusione maligna dal limite di Conserva, sulla quale fa buona guardia Giampetruzzi che respinge in angolo. Al 20' ancora brindisini pericolosi con una punizione defilata, dal limite, di Quintavalle che chiama l'estremo difensore ginosino ad una respinta non facile in corner. Biancazzurri sfortunati al 29' quando il palo nega la gioia del gol a Cappiello, abile a calciare magistralmente una punizione dal limite. Al 33' il primo episodio discutibile ai danni degli ospiti con il secondo giallo comminato a Pizzolla, in maniera troppo frettolosa e senza buon senso, che costringe il Ginosa a giocare in dieci. Nella ripresa il match non decolla, complice una direzione di gara pessima che innervosisce gli attori in campo. Al 49' ristabilita la parità numerica in campo con il secondo giallo comminato a Frallonardo (due gialli nel giro di due minuti), reo di aver simulato, a detta dell'arbitro, in area di rigore. Al 54' ospiti pericolosi con Roberto Bozza, il quale vince un rimpallo in area brindisina e, da buona posizione, alza di poco la mira. Il Ginosa sembra più in palla ed al 58' è ancora la dea bendata a voltare le spalle quando un fendente velenoso dal limite di Donno trova la respinta sulla linea di un difensore. Alla mezzora, poi, sono i padroni di casa a colpire un legno con una conclusione ravvicinata di Iaia. Nel finale, azione ghiotta per i biancazzurri di andare a segno su ripartenza in velocità, complice una punizione a centrocampo mal gestita dai sanvitesi, con Lovecchio ben servito in profondità che viene anticipato in extremis da Laghezza in uscita. Alla fine un pari che accontenta di più il Ginosa, in chiave playoff, che si isola al terzo posto in classifica (Grumese-Bitetto ai box per il turno di riposo). Domenica scontro diretto al "Miani" dove sarà di scena proprio la Grumese-Bitetto, con l'obiettivo di centrare il massimo risultato utile per consolidare la terza posizione ed aumentare il vantaggio sulla diretta rivale. (Videosintesi della gara odierna su www.asginosa.it).

TABELLINO

SAN VITO - GINOSA  0-0

SAN VITO: Laghezza, Marinosci, D'Ignazio, Grazioso, Baldassarre, Raffaello, Frallonardo, Scarongella (73' Merico), Conserva (46' Grassi), Iaia, Quintavalle (78' D'Erriquez). A disp.: D'Agnano, Elia, Manca, Piliego. All. Monna

GINOSA: Giampetruzzi, Vannella, Orfino, Donno, Pizzolla, R. Bozza, Novario (74' Pasqualicchio), Tenerelli (84' Schembri), Cappiello (66' Paiano), Lovecchio, Cristella. A disp.: Larocca, Costantino, A. Ribecco, Comparato. All. Pizzulli

ARBITRO: Nicolò Mongelli di Molfetta.

NOTE: Ammoniti D'Ignazio, Grazioso, Baldassarre, Frallonardo, Scarongella e Iaia (SV), Pizzolla, Tenerelli, Cristella e Paiano (G). Espulsi: al 33' Pizzolla (G) per somma di ammonizioni, al 49' Frallonardo (SV) per somma di ammonizioni, all'86' Tenerelli (G) per somma di ammonizioni (secondo giallo dalla panchina).

Di Domenico Ranaldo