Cultura, musica e spettacolo

‘Qualche estate fa’, successo a Taranto per la prima nazionale

Versione sinfonica dello spettacolo dedicato a Franco Califano, Claudia Gerini: ‘Cantare con un’orchestra è un’enorme emozione’

Comunicato stampa
22.02.2019 21:37

Foto Aurelio Castellaneta

“Cantare con un’orchestra è un’enorme emozione. Taranto mi è piaciuta molto, è piena di fascino e di contraddizioni”. Così Claudia Gerini ha commentato l’esperienza con l’Orchestra Magna Grecia per l’evento “Qualche estate fa”. Ieri sera l’applauditissimo spettacolo si è svolto al Teatro Orfeo di Taranto, portando in scena vita, poesia e musica dell’indimenticabile Franco Califano con il Solis String Quartet e l’Orchestra della Magna Grecia diretta dal Maestro Maurizio Lomartire. “È la prima nazionale della versione sinfonica dello spettacolo - ha precisato il direttore artistico dell’ICO Piero Romano - che sta riscuotendo grande successo. Franco Califano è stato un cantautore complesso e discusso, spesso più per la sua vita privata che per la sua dote musicale e di poeta”.

Claudia Gerini - Foto Aurelio Castellaneta

Lo spettacolo ha provato a riportare in equilibrio le due dimensioni, facendo di alcune canzoni molto amate il punto di partenza per raccontare la vita dell’autore. Nove quadri sono stati narrati da altrettante voci di donne diverse interpretate da Claudia Gerini come voce recitante e cantante. “Le canzoni di Califano spesso parlano di donne - ha raccontato Claudia Gerini - nel bene e nel male, sono state la sua motivazione e la sua dannazione. A loro abbiamo provato a dare un volto, dalla ragazzina innamorata, alla barbona e alla prostituta, ogni donna introduce un suo brano”.

“Tutto il resto è noia”, “Minuetto”, “La musica è finita”, “La nevicata del ’56”, sono state alcune delle canzoni “raccontate” e rese in musica, con arrangiamenti originali dal Solis String Quartet. “Califano è stato un grande poeta - ha precisato Antonio Di Francia dei Solis - ha scritto pagine straordinarie, testi bellissimi per i più grandi cantanti italiani. È stata una sfida arrangiare i suoi brani”.

Prossimo appuntamento con “Eventi Musicali” lunedì 4 marzo alle ore 21 al Teatro Orfeo con Matthias Schlubeck, il flautista di pan tra i più importanti al mondo e “Il suono del mito”. Per il concerto dell’ICO diretto dal Maestro Luigi Piovano ci sarà anche una prima esecuzione assoluta con “U’ Munachicchie du Vasèndë”, la composizione ispirata al mito popolare lucano citato da Levi in “Cristo si è fermato ad Eboli”. Per informazioni e biglietti: a Taranto presso Orchestra della Magna Grecia, in via Tirrenia n.4 (099.7304422) - via Giovinazzi 28 (cell. 392.9199935). Basile Strumenti Musicali, Taranto, via Matteotti 14 (099.4526853).

Ippica: All True Bi e Attrazione, sfida sul miglio del Paolo VI
Storie di calcio: Francesco Montervino, tarantino di ferro