BASKET

Basket C/Gold: Prime gocce di sudore per il Cus Jonico Taranto

La squadra rossoblu si è ritrovata al completo all’Archimede agli ordini di coach Caricasole ad un mese dall’esordio in campionato. Il gm Conversano: ‘Date il massimo per questi colori’

Comunicato stampa
04.09.2018 17:45

Prime gocce di sudore per il Cus Jonico Basket Taranto. La stagione 2018/2019 per la squadra di pallacanestro tarantina è cominciata “ufficialmente” con il primo allenamento a ranghi completidiretto dal confermatissimo coach Giulio Caricasole presso la struttura del tensostatico dell’Archimede.

A cominciare dai giocatori locali, la preziosa cantera della Virtus Taranto, negli ultimi giorni alla spicciolata sono arrivati i nuovi acquisti del diesse Vito Appeso: il ritorno in riva allo Ionio di Alessandro Tabbi, la novità assoluta del play Simone Baraschi, dell’altro lungo Luca Martignago e un’altra gradita conferma quella di Matteo Giovara. Ultimi a raggiungere Taranto, per ragioni ovviamente logistiche, i due stranieri dell’est: la guardia lituana Domantas Simaitis e il lungo lettone Arturs Dusels. 

Un breve discorso alla squadra per coach Caricasole, coadiuvato da quest’anno da Claudio Carone in qualità di assistant coach e poi a rapporto con il dirigente responsabile Roberto Conversano che ha ricordato i valori del Cus Jonico: “Come vi possono confermare Tabbi e Giovara che qui ci sono già stati, siamo pronti a darvi il massimo per mettervi nelle condizioni di fare bene ma al tempo stesso vogliamo, anzi pretendiamo, impegno e dedizione, dentro e fuori dal campo per fare una grande stagione tutti insieme”.

Ci sarà da sudare in queste settimane che saranno condite da diverse amichevoli il cui calendario verrà ufficializzato nelle prossime ore. Sulla tabella di marcia c’è un obiettivo preciso, essere al meglio già il 6 ottobre per la prima giornata del nuovo campionato di Serie C Gold Puglia, al Palafiom contro la Pallacanestro Lupa Lecce.

 

Volley: Otto giorni alla ‘settimana mundial’ di Bari
Ippica: Coast to coast di Tursiope Jet all’ippodromo Paolo VI