Giovanili

Massafra: Juniores Reg, Cristofaro 'Ecco i nostri obiettivi’

Alessio Petralla
23.12.2018 11:33

Un gran filotto di vittorie ha permesso alla Juniores Regionale del Massafra (che sabato pomeriggio ha battuto, in casa, per 3-1, il Martina) di sigillare il terzo posto e trovarsi, prima delle vacanze natalizie, a soli due punti dalla vetta occupata dall'insidiosa formazione del Noci. A delineare e commentare il cammino dei giallorossi, a Blunote, è il tecnico Francesco Cristofaro: "Sono molto soddisfatto per questa prima parte di campionato. I ragazzi hanno risposto bene allenandosi sempre con grande impegno apprendendo al meglio le mie idee di gioco. Inizialmente, abbiamo avuto qualche difficoltà dovute al fatto che era un gruppo praticamente nuovo. Si iniziano a raccogliere i frutti dei sacrifici".

GLI OBIETTIVI: "L'obiettivo principale è far esordire quanti più ragazzi possibile in prima squadra anche se non nascondo che, oltre a ciò, vorrei classificarmi tra le prime quattro. Al momento siamo terzi con due lunghezze da recuperare sulla capolista Noci...".

IL CAMPIONATO: "Le formazioni di testa (Noci, Castellaneta, Massafra, Martina e Grottaglie) possono tutte gareggiare per la vetta. Per quanto riguarda quelle di medio bassa classifica, senza presunzione, non ho visto granchè a livello tattico".

IL CAPOCANNONIERE: "In rosa dispongo del forte Gabriele Celini che attualmente è il capocannoniere di questo raggruppamento. Prima di approdare a Massafra era un tesserato del Grottaglie che non voleva cederlo. Poi, alla fine, il ragazzo ha preferito intraprendere questa strada ed è venuto con me. Si tratta di un calciatore bravo sia tatticamente che tecnicamente con un senso della posizione favoloso".

MERCATO: "Con il mercato invernale sono arrivate altre due pedine che rafforzano ulteriormente una squadra già forte: si tratta di Antonio Sirigliano (esterno alto di sinistra) e di Mario Catapano (mezz'ala)".

Si ringraziano:

Boxe: Luigi Merico campione italiano Supergallo, la fotogallery
Oggiano e D'Agostino regolano il Sorrento, tre punti sotto l'albero