Calcio Varie

Russia 2018: Ottavi, Il Giappone sfiora l'impresa, Belgio avanti...

Alessio Petralla
02.07.2018 21:57

Si è giocato anche il sesto ottavo di finale del mondiale di Russia 2018 in cui si sono sfidate Belgio e Giappone. La partita è subito viva con gli asiatici che dopo il primo giro di lancette ci provano con una conclusione di Kagawa che termina di poco fuori. Al 24' la reazione belga con Lukaku che non trova la deviazione vincente da ottima posizione. Alla mezz'ora si rivede la nazionale di Nishino con un colpo di testa. Si va al riposo sullo 0-0. La ripresa è un valzer d'emozioni tanto che al 47' i nipponici vanno in vantaggio con Haraguchi: palla in verticale di Shibasaki per il compagno che di destro batte Courtois. Un minuto più tardi Diavoli Rossi pericolosissimi con un palo di Hazard. Al 52' arriva, addirittura, il raddoppio del Giappone con un grandissimo tiro dai 25m area di Inui. Al 61' la formazione di di Martinez si rende pericolosa con un colpo di testa di Lukaku. Al 68' i calciatori belga accorciano le distanze con un colpo di testa beffardo, da posizione defilata, di Vertonghen che aveva cercato di rimettere in mezzo la sfera. Partita riaperta e europei che forzano sull'acceleratore per cercare il pari che arriva al 73' grazie ad un colpo di testa di Fellaini. All'82' Giappone di nuovo pericoloso: filtrante per Honda che si invola ma Courtois in uscita devia in corner. Minuto ottantacinque: Belgio due volte pericoloso prima con Chadli e poi con Lukaku con Kawashima due volte miracoloso. Al 90' Courtois evita l'autogol, mentre al 93' c'è una puzione dai 30 metri calciata da Honda e ben parata dal portiere europeo. Al 95' contropiede letale dei Diavoli Rossi che trovano il gol del definitito 3-2 con Chadli. Per i giapponesi una vera beffa, per i belga una gran bella vittoria che gli regala l'accesso ai quarti.

Il terzo quarto di finale vedrà di fronte Brasile e Belgio.

Commenti

Serie D: Mercato, ritorno a centrocampo per il Picerno
Tennis: Wimbledon, Fabbiano passa al 2° turno, sfiderà Wawrinka