CRONACA

42 studenti e 7 scuole hanno partecipato a progetto vela d'altura

L'iniziativa della Marina Militare e della Lega Navale Italiana

Comunicato stampa
13.06.2019 14:02

Lunedì 17 giugno, alle 19.00, nella sede della Lega Navale Italiana Sezione di Taranto, situata sul lungomare Vittorio Emanuele III, si svolgerà la manifestazione conclusiva del progetto “Impariamo Veleggiando” con la consegna degli attestati di partecipazione agli studenti protagonisti del progetto da parte del Comandante Marittimo Sud, ammiraglio di divisione Salvatore Vitiello, e del Presidente della Lega Navale Italiana (LNI) Sez. Taranto, dott.ssa Rosangela Martongelli. “Impariamo veleggiando” è un progetto multidisciplinare nato dalla collaborazione tra la Marina Militare, tramite il Comando Marittimo Sud, e la LNI - Sezione Taranto, che mira a promuovere la conoscenza del mare e della vela d’altura nei giovani studenti delle scuole secondarie di secondo grado della Provincia di Taranto (Archimede, Battaglini, Cabrini, Ferraris, Pitagora, Righi e Vittorino da Feltre). L’iniziativa, partita lo scorso 17 gennaio, ha visto la partecipazione di 42 studenti che hanno seguito un programma didattico articolato in 22 moduli di cui 17 lezioni teoriche e pratiche, con alcune uscite in mare in barca a vela. Le lezioni teoriche, svoltesi presso la Sezione Velica Marina Militare e la Lega Navale Italiana Sezione di Taranto, sono state tenute dal personale della Marina Militare, della Lega Navale e dei partner tecnici (Ionian Sea Service e Onda Buena Academy) che hanno trattato tematiche quali: terminologia della vela e andature veliche,  meteorologia, nautica e carteggio, sicurezza della navigazione, regole di rotta per la navigazione da diporto (Norme Internazionali per Prevenire gli Abbordi in Mare), segnalamenti marittimi e il sistema IALA (International Association of Lighthouse Authorities), team building, biologia marina, tutela dell’ambiente marino (con il coinvolgimento della Capitaneria di Porto di Taranto), storia della navigazione a vela e archeologia marina legata al territorio tarantino. Durante le veleggiate gli aspiranti velisti hanno potuto osservare Taranto dal mare circumnavigando le isole Cheradi, navigare all’interno del Mar Grande e raggiungere, a oltre 22 miglia da Taranto, il porto degli Argonauti di Pisticci, mettendo in pratica le nozioni teoriche acquisite in aula, come la pianificazione della rotta sulla carta nautica con le sue regole, il riconoscimento dei punti cospicui costieri e la navigazione con i rilevamenti ottici. L’attività in mare è stata resa possibile anche grazie alla disponibilità di ben 12 armatori tarantini che hanno aderito al progetto, condividendone le finalità educative e formative e ospitando gli studenti a bordo delle proprie imbarcazioni a vela: Ciù Ciù, Diossina, Dulcinea, Etra, Flying Dutchman, Kiran, Libra, Messalina, Shirinì, Veleno, Xelor III e Yanez. La stretta collaborazione tra Marina Militare e Lega Navale Italiana ha consentito di dare vita ad un progetto comune che ha saputo avvicinare i giovani alla navigazione a vela, in vista del prossimo Trofeo del Mare – Città di Taranto, e infondere in essi la cultura del mare ed il rispetto dell’ambiente marino nella sua totalità.

Massafra, sequestrati dalla Polizia 13 kg di prodotti alimentari
Taranto: Mercato, Antonio Ferrara rossoblu fino al 2021