TARANTO

Bitonto: Anaclerio, 'In difesa ci sarà tanto da lavorare'

Alessio Petralla
29.01.2019 11:51

Foto Anna Verriello

È uno dei calciatori più esperti della rosa del Bitonto, il difensore Michele Anaclerio, a presentare, a Blunote, la sfida di mercoledì con il Taranto: “Domenica scorsa, con la Sarnese, ci toccava vincere dopo lo stop immeritato rimediato con il Cerignola. E’ stato un successo importante per continuare la rincorsa verso i play off. Siamo felici”.

LA PREPARAZIONE: “Prepariamo la sfida interna con il Taranto come facciamo per tutte le altre squadre. In vista di questa bella gara ci siamo allenati consapevoli della nostra forza, anche se il Taranto, sulla carta, parte favorito. Mercoledì saremo tutti disponibili”.

IL TARANTO: “Non ha bisogno di presentazioni. Ha un attacco stellare e uno dei difensori più forti della categoria, Lanzolla, che domenica era addirittura in tribuna. Questo la dice tutta sulla forza degli ionici. Inoltre, vanno fatti i complimenti a Panarelli per ciò che sta facendo in una piazza come quella di Taranto: li non è mai facile. Sarà una partita dura, maschia, ma bella. Vinca il migliore, alla fine ci stringeremo la mano”.

LE INSIDIE: “Da difensore temo l’attacco del Taranto. Non ci sono titolari tra Favetta, Roberti, Croce, Esposito, D’agostino, Di Senso, Salatino e Oggiano. Nel reparto arretrato ci sarà tanto da lavorare”.

LA GARA: “La fatica delle partite ravvicinate non si sentirà perché questa è una sfida che vorrebbe giocare chiunque. Sul piano fisico non ci saranno problemi. Entrambe le squadre avranno le motivazioni a mille: noi perché giochiamo con una squadra blasonata, loro per dare un segnale al campionato”.

IL CAMPIONATO: “La sorpresa è il Picerno che tutti non consideravano, ma che lotterà per la vittoria finale. Cerignola e Taranto sono le più accreditate al primato, però gli ionici sono più forti. A seguire, noi, Altamura e Andria siamo sullo stesso livello e ci giochiamo un posto nei playoff”.

Si ringraziano:

Taranto: Il tecnico Triuzzi, 'Dobbiamo restare tranquilli'
Taranto: Risoluzione consensuale con Michele Cazzarò