Eccellenza

Brindisi: Rufini, 'Mi aspetto una squadra in palla e vogliosa'

Alessio Petralla
15.09.2018 15:34

Il Brindisi, ancora una volta in rimonta, vince il ritorno di coppa Italia e s’immerge subito nel prossimo match di campionato con l’Otranto come spiega, a Blunote, il tecnico Danilo Rufini: “Quella di giovedì è stata una partita ben giocata in cui nella prima mezz’ora abbiamo fatto bene, prendendo, poi, un gol per via di una grave ingenuità difensiva. Poi, c’è stata la reazione che ci ha portato a ribaltare il risultato nel finale di frazione. Ottimo secondo tempo: sono soddisfatto della prestazione anche se ci sono alcune cose da correggere. Inoltre abbiamo giocato con un nuovo modulo super-offensivo con cinque attaccanti di ruolo. L’obiettivo era passare il turno tenendo conto della rotazione visto il campo pesante e il prossimo impegno in campionato: abbiamo gestito le forze”.

FORMAZIONE: “Per domenica con l’Otranto non avrò a disposizione Quarta squalificato e Cordisco ancora infortunato. Rientrerà Scarcella”.

PREPARAZIONE: “Venerdì abbiamo svolto un allenamento per recuperare le forze, mentre chi non ha giocato giovedì ha sudato regolarmente. Sabato la rifinitura e calci piazzati in vista della sfida di domenica che avevamo già preparato teoricamente”.

L’OTRANTO: “Si tratta di una formazione dura e di categoria che si difende bene e riparte. Hanno un calciatore, Villani, che è molto imprevedibile. Dovremo essere bravi ad attaccare subito e a curare le marcature preventive per non rischiare con un avversario veloce. Mi aspetto un Brindisi in palla e voglioso. Proveremo a sbloccarla e chiuderla quanto prima cercando di limitare la loro, eventuale, reazione”.

L’AVVIO: “Le prime cinque partite non sono mai veritiere. L’obiettivo era fare risultato a Corato e passare il turno di coppa. Adesso siamo chiamati a battere l’Otranto in qualsiasi maniera, anche soffrendo. Andiamo avanti per cercare la miglior quadratura: i progressi si vedono giorno dopo giorno”.

Martina: Marasciulo, 'Lo Sporting Donia avrà voglia di riscatto'
Pronostici: Ambrosi, 'Taranto? Il pubblico dev'essere l'arma in più'