TARANTO

Taranto: Gino Montella, 'Ecco le prossime iniziative'

Il dirigente a Blunote: 'Domenica a Sarno facciamo valere il nostro tasso tecnico'

Alessio Petralla
20.01.2018 13:01

Domenica la gara con la Sarnese, per il Taranto, sarà di vitale importanza ma nel frattempo la società del presidente Massimo Giove lavora attentamente e con passione per riportare la gente ad affezionarsi ai colori rossoblù. Prima di parlare della sfida di Sarno ad accennare qualcosa sulle prossime iniziative, a Blunote, è Gino Montella: "Con la Fondazione Taras stiamo cercando di realizzare qualche novità per la partita con il Cerignola: si tratta di qualche formula simpatica e di prezzi accessibili a tutte le famiglie, più qualche iniziativa per le donne. Con l'Altamura ho visto un notevole afflusso di tifosi allo stadio che vogliamo raddoppiare. Marketing? Stiamo cercando di realizzare una linea Taranto calcio con gadget e magliette: prossimamente incontreremo lo sponsor tecnico. Sono iniziative che, probabilmente affiancheremo a dei mini abbonamenti. Da martedì inizieremo a lavorare sodo per far si che queste possano essere realizzate. Inoltre saremo presenti in occasione dell'evento sui quarant'anni della morte del grande Iacovone. Ci stiamo formando come una società professionistica: il Taranto si riavvicina alla gente...".

L'ESORDIO UFFICIALE: "L'attesa, per la mia prima partita, è trepidante. Domenica sarà una gara difficile visto che affronteremo una Sarnese in forma composta da tanti giovani interessanti che sono primi nella graduatoria stilata dalla serie D "Giovani D valore". Siamo chiamati a fare risultato su tutti i campi, perchè siamo una corazzata".

LA GARA: "Mi aspetto un match duro e combattuto in cui dovremo sfruttare il nostro tasso tecnico. Mi dispiace molto per l'assenza di capitan Miale che stava dando grande sicurezza al reparto difensivo. Sono convinto che chi scenderà in campo darà il massimo".

LA GIORNATA: "Sarà una domenica difficile per tutte. Il Potenza non passeggerà con la Turris. Oggi tutte le partite sono delle piccole finali perchè ogni compagine vuol provare a ottenere il proprio obiettivo. L'autostima della squadra cresce e si sta ritrovando il feeling con il pubblico. Anche il chiarimento con la Fondazione ha fatto bene".

LA SETTIMANA: "All'interno del gruppo c'è molta tranquillità e determinazione. Non c'è più tempo per rilassarsi e ho notato vicinanza da parte della dirigenza nei confronti della squadra.".

Si ringraziano:

 

Pronostici: Di Deo, ‘Con questa marcia il Taranto può risalire’
Manduria: Lippolis, 'Dobbiamo pensare una partita alla volta'