TARANTO

Taranto, D'Agostino, ‘Abbiamo fatto di tutto per vincere’

Francesco Caroli
18.11.2018 17:15

Stefano D'Agostino commenta il match in sala stampa: "È stata una partita strana che abbiamo cercato di vincere in tutti i modi. Nonostante io forcing, siamo riusciti a pareggiarla senza mai subire un tiro in porta. Peccato, la vittoria era importante. Non è mancato niente: tiri, pali e parate. Bisogna accettare il pareggio e pensare che possiamo rifarci fuori in un match ostico. Nardò e Fasano sono due partite importanti per ripartire. Sappiamo che in questi momenti dobbiamo fare qualcosa in più. Cercheremo di sfatare il tabù Nardò. Cavalli? Ha sbagliato lo stop e l'attaccante è andato in porta. Gli ho detto di star tranquillo perché ha grandi qualità. Può crescere. E comunque, l’errore può capitare a tutti, In casa bisogna cercare di vincerle tutte e questa è stata la nostra partita migliore. Non abbiamo subito nulla. Si parla solo di un momento strano. Non è un problema d'attacco: due gol ad Altamura sono tanti, dobbiamo evitare di prendere il cosiddetto gollonzo. Tutti dobbiamo qualcosa in più. Personalmente sto bene, faccio poca fatica e ho forza nelle gambe. Infortunio superato. Rigore? Sapevo di doverlo calciare forte. Panarelli mi vede attaccante, ma il mio obiettivo non sono i gol, ma la vittoria del campionato. Quando ti chiami Taranto non puoi perdere mai. Qui bisogna avere pressioni e calma. Domenica il pareggio non ce l'aspettavamo. Bisogna stare sempre attaccati perché al ritorno con questo pubblico possiamo fare un bel salto. Per i gol son contento. La mia media però è quella. Voglio superarla, ma preferisco servano”.

1a Categoria: Grottaglie, basta un tempo per vincere a Crispiano
Ippica: Paolo VI, il centrale di lunedì è riservato ai tre anni