TARANTO

Taurino: ‘Il Taranto ha una rosa lunga e tante soluzioni’

Il tecnico del Nardò a Blunote: 'Sarà un campionato difficile per tutte'

Alessio Petralla
07.09.2018 19:20

Si prospetta un campionato veramente avvincente quello della prossima serie D/H: parola del tecnico del Nardò, Roberto Taurino che, lo analizza a Blunote: "Si prospetta un campionato veramente molto avvincente, stimolante e duro per tutti in cui tutte hanno fatto investimenti importanti: le pugliesi sono messe molto bene. Ritengo che il livello sia più alto rispetto all'anno scorso e che raggiungere un obiettivo sarà più complicato per tutte. Non vedo compagini cuscinetto".

IL NARDO': "La mia squadra ha mantenuto la fisionomia della passata stagione con qualche innesto d'esperienza. In rosa ci sono molti '95 e '96 di spessore che sono dei punti fermi. Gli obiettivi li costruiremo allenamento dopo allenamento e partita dopo partita. Cercheremo di partire il meglio possibile cercando i punti per poi disputare una stagione tranquilla. In questo girone non è semplice parlare di obiettivi: restiamo concentrati".

L'AVVIO: "Il nostro è un avvio complicato visto che nelle prime due giornate affronteremo subito l'Altamura che ha elevato il suo tasso tecnico rispetto la stagione scorsa e che vorrà riconfermarsi e L'Andria che anche se partita in ritardo è una squadra forte. Serviranno due grandi prestazioni".

IL TARANTO: "Ha fatto investimenti importanti ed è una signora squadra. Non so il perchè del cambio alla guida tecnica: posso solo dire che ha calciatori di qualità tecniche importanti, una rosa lunga e quindi più soluzioni tattiche. Insomma, ha tante frecce per il proprio arco. Se lavorano bene possono fare un campionato di vertice".

LE FAVORITE: "In partenza sono sempre quelle che mettono sul piatto un budget importante. Taranto e Cerignola hanno fatto una campagna acquisti sontuosa. L'Altamura è una buona squadra e il Picerno può sorprendere: li c'è un ambiente sereno con un calciatore che può spostare gli equilibri qual è Esposito. Hanno, inoltre, un tecnico importante che conosce il campionato. Da vedere poi cosa faranno l'Andria e il Bitonto. In alta classifica speriamo di esserci anche noi: intanto è importante lavorare e faticare".

Serie C: Incognita B, slitta ancora il sorteggio dei calendari
Real Virtus Grottaglie, la pioggia non ferma i Giovanissimi